Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2009 September;61(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2009 September;61(3):215-33

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,984


eTOC

 

  ACUTE KIDNEY INJURY


Minerva Urologica e Nefrologica 2009 September;61(3):215-33

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Nefropatia da mezzo di contrasto: aggiornamento dei dati della letteratura

Perazella M. A.

Acute dialysis services, Section of Nephrology, Department of Medicine, Yale University School of Medicine, New Haven, CT, USA


PDF  


Sia indagini diagnostiche che terapeutiche frequentemente prevedono l’impiego di mezzi di contrasto radiologici per migliorare le qualità delle immagini. Come conseguenza, l’utilizzo di questi agenti è enormemente aumentato nell’ultima decade con più di 10 milioni di esami effettuati all’anno negli Stati Uniti. Lo sviluppo di AKI è una complicanza frequente dell’esposizione a mezzi di contrasto radiologici in pazienti che sono portatori di sottostanti fattori di rischio. In particolare, ciò che è più importante, la nefropatia indotta da mezzo di contrasto radiologico (RCIN) è associata ad un’aumentata mortalità a breve e a lungo termine. Pertanto, i pazienti a rischio dovrebbero essere identificati prima della somministrazione del mezzo di contrasto radiologico al fine di poter scegliere altre metodiche di indagine o di mettere in atto procedure di profilassi. Attualmente, l’impiego di liquidi isotonici per via endovenosa rappresenta l’unica terapia preventiva che si è dimostrata efficace. L’impiego di bassi volumi di mezzo di contrasto radiologico e l’evitare la somministrazione di sostanze nefrotossiche sono altre procedure ritenute nefroprotettive. Risultati discordanti sono stati pubblicati a riguardo dell’utilità della terapia con N-acetilcisteina (NAC) e di mezzi di contrasto radiologici a bassa osmolarità versus iso-osmolari nella prevenzione di RCIN. Mentre l’emodialisi non sembra ricoprire un ruolo vantaggioso, un singolo centro ha dimostrato che l’emofiltrazione è associata a una riduzione dell’incidenza di RCIN e di altri end-point clinici. Numerose terapie non rivestono alcun ruolo nella prevenzione di RCIN e dovrebbero essere evitate. Questa revisione della Letteratura fornisce un aggiornamento dell’attuale stato dell’arte circa il trattamento della RCIN.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail