Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2009 September;61(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2009 September;61(3):159-69

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

  ACUTE KIDNEY INJURY


Minerva Urologica e Nefrologica 2009 September;61(3):159-69

lingua: Inglese

Insufficienza renale acuta come fattore di rischio e di progressione dell’insufficienza renale cronica

Schiffl H. 1,2, Lang S. 2,3

1 KfH Nierenzentrum München - Laim, Munich, Germany
2 Department for Internal Medicine, Campus Innenstadt, University Hospital Munich Munich, Germany
3 Medizinische Klinik, SRH Waldklinikum Gera Gera, Germany


PDF  


L’insufficienza renale acuta è una condizione frequente nei pazienti ospedalizzati ed è associata a significativa morbilità e mortalità intra-ospedaliere. Tuttavia, l’insufficienza renale acuta acquisita in ospedale non è né una complicanza innocua di gravi patologie sottostanti, né una patologia potenzialmente pericolosa per la vita a breve termine. Il follow-up dopo la dimissione ospedaliera di tali pazienti evidenzia il fatto che i sopravvissuti all’episodio di insufficienza renale acuta possono sviluppare gravi complicanze a lungo termine. La mortalità a lungo termine è maggiore in quei pazienti che sono sopravvissuti all’insufficienza renale acuta rispetto ai pazienti in condizioni critiche o non critiche senza insufficienza renale acuta. Tra i sopravvissuti all’insufficienza renale acuta, al follow-up a lungo termine circa il 12,5% dei pazienti necessita di dialisi e il 19-31% sviluppa un’insufficienza renale cronica. L’incidenza della nefropatia terminale secondaria a insufficienza renale acuta continuerà verosimilmente ad aumentare, essendo sempre maggiore il numero di pazienti anziani che venogono ricoverati in Unità di Terapia Intensiva, affetti da un elevato numero di comorbidità extra-renali e renali. I nefrologi dovrebbero riconoscere l’insufficienza renale acuta come una causa sottostimata di nefropatia cronica e i pazienti che sopravvivono con recupero incompleto della funzionalità renale dovrebbero essere seguiti attentamente per un successivo eventuale sviluppo di una patologia renale o la progressione di una pre-esistente patologia renale cronica. Il mancato recupero o la necessità di dialisi non sono solo importanti fattori determinanti lo stato di salute a lungo termine, la qualità di vita e la mortalità di questi pazienti, ma comportano un ulteriore onere in termini di costi per il servizio sanitario.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail