Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2008 December;60(4) > Minerva Urologica e Nefrologica 2008 December;60(4):247-53

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Urologica e Nefrologica 2008 December;60(4):247-53

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Screening del carcinoma della vescica tramite marcatori tumorali urinari

Svatek R. S. 1, Lotan Y. 2, Karakiewizc P. I. 3, Shariat S. F. 4

1 Department of Urologic Oncology MD Anderson Cancer Center Houston, TX, USA
2 Department of Urology University of Texas Southwestern Medical Center Dallas, TX, USA
3 Department of Urology and Outcomes Research Unit University of Montreal, Montreal, QB, Canada
4 Department of Urologic Oncology MSKCC, New York, NY, USA


PDF  


Lo screening del carcinoma della vescica differisce dalla diagnosi di routine del cancro della vescica stesso in pazienti sintomatici per ematuria, o una anamnesi positiva per la patologia. L’obiettivo ultimo dello screening di tale tumore consiste nel diminuire la mortalità correlata alla malattia individuando la patologia stessa in un tempo precedente rispetto a quanto accade quando essa viene diagnosticata a partire dai sintomi. Vi sono numerose caratteristiche del carcinoma uroteliale della vescica che rendono lo screening per tale patologia un’alternativa affascinante per quanto riguarda il nostro attuale approccio clinico. Questa neoplasia colpisce una popolazione definita e la sopravvivenza di questi pazienti è strettamente associata allo stadio di malattia alla presentazione. Inoltre, test di screening rapidi, di facile esecuzione e non dolorosi sono teoricamente possibili utilizzando marcatori tumorali, a causa della diretta presenza di cellule cancerose nelle urine. In verità, recenti intuizioni nel campo della biologia delle fasi di iniziazione e progressione del carcinoma della vescica hanno condotto all’identificazione di numerosi marcatori urinari, che sono risultati promettenti nel diagnosticare la presenza del carcinoma vescicale. Nonostante ciò, l’adozione di programmi di screening prima di avere stabilito il livello di evidenza dell’efficacia e prima di considerazioni economiche su larga scala ha conseguenze dannose. In questo articolo, gli Autori presentano una revisione della Letteratura riguardante lo screening per il carcinoma della vescica utilizzando marcatori urinari.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail