Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2008 September;60(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2008 September;60(3):159-75

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Urologica e Nefrologica 2008 September;60(3):159-75

lingua: Inglese

Stato dell’arte della nefrolitotomia percutanea nel trattamento della nefrolitiasi

Yuhico M. P., Ko R.

Department of Urology, Nepean Hospital University of Sydney, Sydney, Australia


PDF  


I calcoli renali voluminosi (>2 cm) costituiscono una patologia frequente che affligge tutti i gruppi di popolazione nel mondo e può esitare in gravi complicanze se non trattata. Il trattamento di questa patologia si è enormemente evoluto negli ultimi settanta anni con l’avvento della chirurgia mini-invasiva. Tra queste, riveste un ruolo fondamentale la nefrolitotomia percutanea (PCNL). Essa ha comportato una riduzione della degenza ospedaliera, del dolore postoperatorio, e una più rapida convalescenza, rispetto ai precedenti criteri della chirurgia tradizionale a cielo aperto. La PCNL è soltanto una delle molteplici opzioni di trattamento mini-invasivo disponibili per tale patologia, ma rimane tuttora la più efficace in tutti i gruppi di pazienti. Comunque, essa continua ad essere una delle procedure in ambito urologico più complesse, che se non effettuata in modo adeguato, può essere associata a gravi complicanze. Il perfezionamento delle tecniche, il miglioramento delle attrezzature e l’incremento dell’esperienza clinica hanno consentito di migliorare i tassi di assenza di recidiva di calcolosi delle vie urinarie con una morbilità accettabile per il paziente. In questo articolo, gli autori presentano una revisione degli aspetti tecnici, i risultati e l’attuale ruolo della PCNL nel trattamento di calcoli renali volumonosi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail