Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2008 June;60(2) > Minerva Urologica e Nefrologica 2008 June;60(2):137-40

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,984


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Urologica e Nefrologica 2008 June;60(2):137-40

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Feocromocitoma della vescica: descrizione di 2 casi e review della letteratura scientifica

Siatelis A. 1, Konstantinidis C. 1, Volanis D. 1, Leontara V. 2, Thoma-Tsagli E. 2, Delakas D. 1

1 Department of Urology “Asklipieio” General Hospital, Voula, Athens, Greece 2 Department of Pathology, “Asklipieio” General Hospital, Voula, Athens, Greece


PDF  


Il feocromocitoma della vescica è una rara neoplasia del tessuto cromaffine del sistema nervoso simpatico all’interno degli strati della parete vescicale. In letteratura sono stati descritti approssimativamente 220 casi. Essi rappresentano meno dello 0,06% di tutti i tumori vescicali e meno dell’1% di tutti i feocromocitomi. I soggetti di sesso femminile vengono colpiti più frequentemente e questo tipo di tumore è più comune tra la seconda e la quarta decade di vita. La diagnosi è strettamente legata ai sintomi clinici correlati all’ipersecrezione di catecolamine. Tuttavia, in alcuni casi, il tumore è ormonalmente inattivo e può restare indiagnosticato per anni. Gli aspetti citologici dei tumori maligni e benigni si sovrappongono e di conseguenza non vi sono aspetti affidabili per determinare la malignità. Tuttavia, la prognosi sembra essere migliore per i pazienti con tumori superficiali rispetto a quelli con tumori invasivi, che riguardano il 5-10% dei casi. Nella maggior parte dei casi il trattamento di scelta è rappresentato dall’asportazione chirurgica. Per i tumori metastatici sembrano essere efficaci la chemioterapia e la radioterapia. Gli Autori presentano due nuovi casi di feocromocitoma della vescica. Il sintomo di presentazione era un’ematuria dolorosa. Entrambi i pazienti erano normotesi e non presentavano alcuno dei sintomi caratteristici del feocromocitoma. Gli Autori discutono le difficoltà diagnostiche e terapeutiche e fanno una breve review della letteratura scientifica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail