Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2008 Marzo;60(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 2008 Marzo;60(1):15-29

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  CLINICAL UPDATE ON PROSTATIC CANCER


Minerva Urologica e Nefrologica 2008 Marzo;60(1):15-29

lingua: Inglese

Manipolazioni ormonali e alterazioni nell’asse recettoriale per gli androgeni nel carcinoma della prostata

Nguyen M. M., Wang Z.

University of Pittsburgh School of Medicine, Pittsburgh, PA, US


PDF  


Gli androgeni giocano un ruolo fondamentale nello sviluppo e nella progressione del carcinoma della prostata. Per decenni la terapia deprivativa androgenica (androgen deprivation therapy, ADT) è stata il trattamento fondamentale per i soggetti affetti da carcinoma della prostata metastatico. Inizialmente l’ADT provoca una regressione delle neoplasie prostatiche, tuttavia questo effetto è limitato e i pazienti inevitabilmente sviluppano una forma di malattia refrattaria agli androgeni. Molti studi hanno ipotizzato che il recettore per gli androgeni (androgen receptor, AR), il mediatore chiave della loro azione, giochi un ruolo importante nella ricomparsa del carcinoma della prostata. Modificazioni quali l’amplificazione del gene AR, le mutazioni AR, la localizzazione AR subcellulare e lo status coregolatorio AR che si esprimono nella upregolation dell’attività AR sono spesso associati a carcinomi prostatici refrattari agli androgeni. Questa review si focalizza su alcune modificazioni nell’asse recettoriale per gli androgeni nei tumori refrattari a questi e sui recenti progressi nella ADT. Una maggiore comprensione dell’asse recettoriale per gli androgeni fornirà un punto di partenza per migliorare i metodi esistenti e per sviluppare nuovi metodi di trattamento del cancro della prostata.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail