Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2007 December;59(4) > Minerva Urologica e Nefrologica 2007 December;59(4):451-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Urologica e Nefrologica 2007 December;59(4):451-4

lingua: Inglese

Tripla neoplasia primitiva sincrona (carcinoma renale a cellule chiare e cancro della prostata in associazione con cancro della tiroide). Descrizione di un caso clinico insolito

Rai R. S. 1, Deb P. 2, Rai R. 3, Gupta E. 3, Panayach J. S. 4

1 Department of Urology Military Hospital, Udhampur Jammu and Kashmir, India
2 Department of Pathology Military Hospital, Udhampur Jammu and Kashmir, India
3 Department of Medicine Government Medical College, Chandigarh, India
4 Department of Pathology Military Hospital, Chandimandir, India


PDF  


Gli autori descrivono un caso molto raro di tripla neoplasia primitiva sincrona coinvolgente la prostata, il rene e la tiroide in un soggetto di sesso maschile di 79 anni con ematuria e dolore continuo all’anca destra. L’esame obiettivo ha evidenziato la presenza di noduli tiroidei ingrossati, mentre l’esplorazione rettale digitale evidenziava un aumento di volume della prostata con PSA elevato (16,7 ng/ml). La radiografia diretta ha evidenziato una lesione osteolitica a livello dell’ischio destro. L’ecografia e la tomografia computerizzata del rene sinistro suggerivano la presenza di un carcinoma renale a cellule chiare (renal cell carcinoma: RCC), successivamente confermato dall’esame istologico eseguito su un campione ottenuto dopo nefrectomia totale sinistra. Le biopsie prostatiche e ossee hanno evidenziato la presenza di un adenocarcinoma, assieme a metastasi a livello ischiatico. L’esame citologico eseguito sul materiale prelevato con agoaspirazione dai noduli ingrossati del collo ha suggerito la presenza di un carcinoma follicolo-cellulare della tiroide, successivamente confermato dall’esame istologico dei campioni di tessuto ottenuti dopo tiroidectomia sub-totale. Attualmente, a distanza di 24 mesi, il paziente viene ancora seguito regolarmente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail