Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2007 September;59(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2007 September;59(3):379-93

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  ARGOMENTI DI PUNTA IN NEFROLOGIA NEL 2007


Minerva Urologica e Nefrologica 2007 September;59(3):379-93

lingua: Inglese

Trapianto simultaneo di rene e pancreas

Cohen D. J. 1, Sung R. S. 2

1 Columbia University Medical Center New York, NY, USA
2 Division of Transplantation Department of Surgery University of Michigan Medical Center Ann Arbor, MI, USA


PDF  


Il trapianto simultaneo di rene e pancreas rappresenta il tipo di trapianto pancreatico che viene eseguito più comunemente. I riceventi di un pancreas funzionante hanno un normale controllo glicemico, non necessitano di insulina esogena e non presentano episodi ipoglicemici, Mentre il trapianto di pancreas ha un impatto positivo su un certo numero di complicanze diabetiche e il trapianto rene-pancreas prolunga la sopravvivenza dei trapiantati rispetto a quelli che restano in lista di attesa, il contributo del pancreas alla sopravvivenza dopo trapianto di solo rene resta controverso. I candidati al trapianto hanno solitamente un diabete di tipo 1 refrattario alla terapia insulinica intensiva; i criteri di selezione sono molto più severi rispetto a quelli per il solo trapianto di rene. La maggior parte dei trapianti di pancreas viene eseguita con drenaggio esocrino enterico e con drenaggio venoso sistemico, sebbene si impieghi anche il drenaggio venoso portale. Le complicanze sono più frequenti e più gravi rispetto a quelle del solo trapianto di rene e questo deve essere tenuto in considerazione nell’individuazione dei candidati adatti. Solitamente l’immunosoppressione comprende la terapia di induzione e la terapia di mantenimento con tre farmaci, ma, per quanto riguarda i decorsi a breve termine, si stanno ottenendo risultati incoraggianti con regimi terapeutici privi di farmaci steroidei. Il rigetto è difficile da identificare con tecniche non invasive, ma l’utilizzo diagnostico della biopsia per via per cutanea sta aumentando. I decorsi sono generalmente buoni; i tassi di sopravvivenza a un anno per il trapianto di rene e di pancreas sono rispettivamente del 92% e dell’85%. A 5 anni la sopravvivenza supera l’85%. Sebbene il beneficio sulla mortalità derivante dal trapianto di pancreas sia ancora incerto, la maggior parte degli studi dimostra un miglioramento significativo per quanto riguarda la qualità di vita

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail