Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2007 September;59(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2007 September;59(3):367-77

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  ARGOMENTI DI PUNTA IN NEFROLOGIA NEL 2007


Minerva Urologica e Nefrologica 2007 September;59(3):367-77

lingua: Inglese

Monitoraggio immunologico dopo trapianto di rene

Gerrits J. H., Weimar W., Van Besouw N. M.

Department of Internal Medicine-Transplantation, Erasmus MC University Medical Center Rotterdam Rotterdam, The Netherlands


PDF  


Nel corso dell’ultimo decennio la ricerca nel settore dei trapianti d’organo è mutata grazie agli studi sui meccanismi del rigetto acuto precoce dopo il trapianto, per comprendere perché i pazienti beneficino del trapianto solo per un tempo limitato e per capire il rigetto cronico irreversibile e i gravi effetti collaterali dell’immunosoppressione. Per evitare questi effetti collaterali è stato suggerito di ridurre o addirittura di sospendere la terapia immunosoppressiva nei pazienti che hanno ricevuto un trapianto, a patto che queste misure non si accompagnino al rigetto. I test non invasivi sull’immunità cellulo-mediata potrebbero essere utili per identificare i pazienti trapiantanti nei quali il trattamento immunosoppressivo possa essere ridotto in sicurezza e per identificare i pazienti a rischio di rigetto cronico. In questo lavoro vengono descritti i test cellulari per identificare le risposte donatore-specifiche delle cellule mononucleate del sangue periferico prelevate dai pazienti prima del trapianto e durante la riduzione o la sospensione del trattamento immunosoppressivo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail