Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2007 Giugno;59(2) > Minerva Urologica e Nefrologica 2007 Giugno;59(2):149-57

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

  CHIRURGIA ROBOTICA


Minerva Urologica e Nefrologica 2007 Giugno;59(2):149-57

lingua: Inglese

Cistoprostatectomia assistita roboticamente con il sistema da Vinci e diversione urinaria; un cambiamento paradigmatico nella gestione chirurgica del cancro vescicale

Kaul S. A., Menon M.

Vattikuti Urology Institute Henry Ford Health System Detroit, MI, USA


PDF  


La cistoprostatectomia radicale resta il trattamento di riferimento per il cancro vescicale invasivo. L’approccio minimamente invasivo è diventato sempre più importante, aiutato da adiuvanti chirurgici quali bisturi adatti e dalla laparoscopia intestinale staplers, tuttavia la cistoprostatectomia radicale resta un intervento tecnicamente difficile da eseguire anche per chirurghi con esperienza laproscopica. In seguito al successo applicativo della tecnica chirurgica robotizzata da Vinci per la prostatectomia radicale, l’attenzione attualmente si è rivolta all’utilizzo dell’ausilio robotica per la cistoprostatecomia laparoscopica. Diversi centri hanno esplorato la fattibilità della cistoprostatectomia robotica, sebbene manchino i dati a lungo termine. Sono molte le controversie sull’efficacia e sulla sicurezza oncologica, sulla necessità delle diversione intracorporea e sulla standardizzazione della tecnica. Questo articolo riassume la storia, la tecnica, i risultati e lo stato dell’arte della cistoprostatectomia robotica e della diversione urinaria.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail