Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2007 Marzo;59(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 2007 Marzo;59(1):59-66

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Urologica e Nefrologica 2007 Marzo;59(1):59-66

lingua: Inglese

Dieta mediterranea, rapporto tra grassi monoinsaturi e saturi e basso rischio di carcinoma alla prostata. Un mito o una realtà?

Stamatiou K. 1,2, Delakas D. 3, Sofras F. 1

1 Department of Urology School of Medicine University of Crete, Crete, Greece
2 Department of Urology General Hospital of Thebes, Thebes, Greece
3 Department of Urology Asklepeion General Hospital, Voula, Greece


PDF  


Sebbene la cause specifiche dell’inizio del carcinoma della prostata e della sua progressione non siano ancora note, l’evidenza di una maggiore incidenza clinica e di un maggiore tasso di mortalità nei paesi occidentali rispetto a quelli asiatici, suggerisce che giochino un ruolo importante nell’evoluzione della malattia fattori genetici, ambientali e comportamentali (quali la dieta). L’eziologia nutrizionale del carcinoma della prostata è stata valutata in un grande numero di studi epidemiologici e dal momento che la dieta asiatica è povera di componenti grasse, non è di conseguenza sorprendente che i grassi alimentari siano stati associati al rischio di carcinoma della prostata in molti di questi studi. Studi sperimentali sulla correlazione tra aspetti dietetici ed aumento del rischio di carcinoma della prostata hanno supportato l’ulteriore idea che questo rischio venga aumentato dall’aumentare dall’apporto di grassi. D’altra parte, recenti studi autoptici eseguiti in Grecia e in Spagna hanno dimostrato che l’incidenza istologica di carcinoma della prostata in quelle popolazioni mediterranee caucasiche di sesso maschile è significativamente inferiore rispetto a quella di altri maschi caucasici, mentre studi epidemiologici hanno evidenziato un grado significativo di aderenza alla dieta mediterranea per i maschi greci e spagnoli. La dieta mediterranea tradizionale prevede un relativamente basso consumo di grassi, con un maggior rapporto tra grassi monoinsaturi e saturi rispetto ad altri luoghi del mondo. L’obiettivo di questo articolo è di focalizzare l’attenzione sulle componenti grasse della dieta mediterranea e di chiarire la loro associazione con il rischio di carcinoma della prostata.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail