Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2007 March;59(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 2007 March;59(1):53-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,984


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Urologica e Nefrologica 2007 March;59(1):53-7

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Patologia linfonodale dopo prostatectomia radicale

Wirth M. P., Froehner M.

Department of Urology University Hospital Carl Gustav Carus Technical University of Dresden Dresden, Germany


PDF  


La maggior parte dei pazienti con coinvolgimento linfonodale al momento della prostatectomia radicale è destinata ad avere una progressione della malattia. Dal momento che il tasso di identificazione delle metastasi linfonodali dipende dall’estensione della linfoadenectomia, il confronto tra diverse casistiche può essere inficiato da errori e, al momento, non vi è un approccio terapeutico generalmente accettato. Sebbene un piccolo studio randomizzato abbia dimostrato un beneficio sulla sopravvivenza per i pazienti che hanno ricevuto un immediato trattamento ormonale rispetto a quelli che hanno iniziato il trattamento al momento della progressione clinica della malattia, nei pazienti con minimo coinvolgimento linfonodale il beneficio del trattamento immediato è incerto. In tali casi è possibile che l’inizio del trattamento, al momento della ricomparsa del PSA, sia sufficiente, risparmiando, di conseguenza, gli effetti collaterali e i costi legati al trattamento ormonale. Nei pazienti con coinvolgimento linfonodale al momento della prostatectomia radicale, il ruolo della radioterapia adiuvante non è chiaro. Dal momento che nella maggior parte dei casi l’interessamento linfonodale indica una malattia sistemica, le sole misure locali hanno poca probabilità di guarire questo tipo di pazienti. Forse, in casi selezionati, la radioterapia adiuvante può migliorare il controllo locale e mantenere la qualità di vita, anche se non ci si deve attendere un beneficio sulla sopravvivenza. In generale, per migliorare l’insieme delle conoscenze relative alla gestione ottimale di questi casi, è necessario arruolare negli studi clinici pazienti con coinvolgimento linfonodale al momento della prostatectomia radicale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail