Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2006 December;58(4) > Minerva Urologica e Nefrologica 2006 December;58(4):347-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Urologica e Nefrologica 2006 December;58(4):347-50

lingua: Inglese

Trattamento chirurgico del pseudoaneurisma espansivo distale dell’arteria renale dopo trauma contusivo

Guerra Requena M. 1, Galindo Garcia Á. 2, Núñez C. 3, Cabrera P. 3, García B. 1, Blanco Cañibano E. 1

1 Department of Vascular Surgery University of Alcala General Hospital of Guadalajara Guadalajara, Spain
2 Department of Vascular Surgery Complutense University Hospital Clinico, Madrid, Spain
3 Department of Urology La Paz Hospital, Madrid, Spain


PDF  


I pseudoaneurismi dell’arteria renale sono rari dopo traumi contusivi addominali. I pseudoaneurismi sono provocati da lesioni legate alla decelerazione che agisce sull’arteria renale dopo cadute o incidenti stradali importanti. I pazienti possono essere asintomatici per mesi o anni e il pseudoenurisma può espandersi sino alla rottura prima di essere diagnosticato o trattato. Descriviamo il caso di un pseudoaneurisma distale dell’arteria renale in un paziente di 51 anni che aveva subito un trauma 16 mesi prima, mentre giocava a tennis. La diagnosi è stata possibile grazie a ripetute tomografie computerizzate che hanno dimostrato la presenza di un pseudoaneurisma trombizzato a livello della parte distale dell’arteria renale destra, con allargamento progressivo e comparsa di dolore persistente. L’angiograìfia ha evidenziato l’aneurisma a livello dell’arteria polare inferiore e una piccola infezione renale dovuta a trombosi della branca distale. È stato eseguito un intervento chirurgico a cielo aperto, che ha rivelato la presenza di un buco in un ostio di un’arteria segmentarla, che è stato suturato con un singolo punto. Il paziente è stato dimesso pochi giorni dopo con normale funzionalità renale. Nonostante lo sviluppo delle tecniche endovascolari, talvolta il trattamento chirurgico rappresenta la sola alternativa terapeutica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail