Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2006 Dicembre;58(4) > Minerva Urologica e Nefrologica 2006 Dicembre;58(4):311-9

ULTIMO FASCICOLOMINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Urologica e Nefrologica 2006 Dicembre;58(4):311-9

lingua: Inglese

Incontinenza urinaria e prolasso di organi pelvici

Buchsbaum G. M.

Department of Obstetrics and Gynecology Department of Urology University of Rochester Medical Center Strong Memorial Hospital, Rochester, NY, USA


PDF  ESTRATTI


Comunemente, l’incontinenza urinaria e il prolasso di organi pelvici coesistono. Sino al 60% delle donne con prolasso di organi pelvici presenta anche incontinenza urinaria e, viceversa, quasi il 40% delle donne con incontinenza urinaria presenta prolasso di vario grado di organi pelvici. Inoltre, altri disturbi delle basse vie urinarie, come le disfunzioni della minzione, nelle donne sono frequentemente associati a prolasso di organi pelvici. Tutte le donne con sintomi a carico delle basse vie urinarie dovrebbero essere valutate per il prolasso di organi pelvici. Quest’aspetto è importante, dal momento che un prolasso oltre l’imene di organi pelvici può sia causare, che mascherare, disfunzioni delle basse vie urinarie. Di conseguenza, la valutazione e il trattamento delle pazienti con disfunzioni delle basse vie urinarie e con coesistente prolasso di organi pelvici richiede un’attenzione particolare. È importante comprendere come il prolasso influenzi la funzionalità delle basse vie urinarie prima di iniziare il suo trattamento e quello dei sintomi urinari. Quest’aspetto è fondamentale quando si devono soppesare i rischi e i benefici della correzione di un prolasso in una paziente che non ne è disturbata. Sono disponibili opzioni conservative e chirurgiche per il trattamento dei disturbi delle basse vie urinarie e del prolasso. Solitamente i trattamenti vengono individualizzati e pianificati non solo sulla base della diagnosi clinica, ma anche tenendo conto degli obiettivi da raggiungere, dell’età della paziente, del suo livello di attività, delle sue condizioni generali di salute e delle sue preferenze. I medici che assistono le pazienti con disturbi complessi del pavimento pelvico dovrebbero avere familiarità con le opzioni di trattamento.

inizio pagina