Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2006 December;58(4) > Minerva Urologica e Nefrologica 2006 December;58(4):299-310

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Urologica e Nefrologica 2006 December;58(4):299-310

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Nuovi sviluppi nel trattamento dell’incontinenza urinaria

Vella M., Robinson D., Cardozo L., Cartwright R.

Department of Urogynaecology King’s College Hospital Denmark Hill, London, UK


PDF  


L’incontinenza urinaria è una condizione comune e stressante. Nei Paesi sviluppati, i due tipi principali di incontinenza sono rappresentati dall’incontinenza da stress urodinamico e da quella da iperattività del muscolo detrusore. I recenti progressi hanno riguardato lo sviluppo di un farmaco per l’incontinenza da stress e la produzione di nuovi anticolinergici M3 specifici.
La duloxetina, un inibitore del reuptake della serotonina e noradrenalina relativamente bilanciato e potente, è il primo farmaco a essere stato approvato per il trattamento dell’incontinenza da stress. Sino a poco tempo fa, le opzioni farmacologiche per il trattamento dell’incontinenza urinaria da stress erano limitate all’utilizzo di diversi farmaci quali gli estrogeni, gli agonisti dei recettori α-adrenergici, gli antagonisti dei recettori β-adrenergici, gli antidepressivi triciclici e gli anticolinergici. Tuttavia, questi farmaci hanno un’efficacia discutibile e possono associarsi a effetti collaterali. Gli studi clinici randomizzati hanno evidenziato che la duloxetina è efficace per ridurre la frequenza degli episodi di incontinenza urinaria e per migliorare il punteggio della qualità della vita. Di conseguenza, la gestione medica è ora diventata un’opzione più realistica per il trattamento delle pazienti con incontinenza urinaria da stress.
Recentemente si sono resi disponibili nuovi anticolinergici selettivi per il recettore M3. La loro aumentata selettività per i recettori vescicali conferisce a questi farmaci un’efficacia migliore con minori effetti collaterali. La solifenacina e, più recentemente, la darifenacina si sono rese disponibili sul mercato ed entrambe hanno le stesse proprietà della duloxetina.
Attualmente è anche disponibile un cerotto contenente oxibutinina, che aggiunge una nuova modalità di somministrazione a quelle pre-esistenti. Dal momento che il cerotto consente l’assorbimento per via transdermica dell’oxibutinina, i produttori affermano che in questo modo si ha un miglior rapporto efficacia/tollerabilità rispetto alle formulazioni tradizionali.
Questa review fornisce una descrizione dettagliata di questi nuovi sviluppi farmacologici.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail