Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2006 Giugno;58(2) > Minerva Urologica e Nefrologica 2006 Giugno;58(2):117-31

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0393-2249

Online ISSN 1827-1758

 

Minerva Urologica e Nefrologica 2006 Giugno;58(2):117-31

 REVIEW

Cardiovasculopatia nella nefropatia in stadio terminale

Sharma R. 1, Pellerin D. 2, Brecker S. J. D. 3

1 Department of Cardiology, Southampton University Hospital, Southampton, UK
2 The Heart Hospital, London, UK
3 Department of Cardiology St Georges Hospital, London, UK

La cardiovasculopatia è un evento comune e rappresenta la principale causa di morte e di morbidità nei pazienti con nefropatia in stadio terminale (end stage renal disease, ESRD). Questo articolo prende in considerazione alcuni dei molti fattori responsabili di questa alta prevalenza e dell’elevata mortalità da cause cardiache nei pazienti con ESRD. Nella ESRD, i meccanismi cardiotossici sono molteplici e comprendono la coronaropatia, la cardiomiopatia, la microvasculopatia, l’infiammazione, la valvulopatia e le anormalità del metabolismo miocardico. L’identifica-zione dei pazienti ad alto rischio resta una sfida, dal momento che molti dei tradizionali fattori di rischio e molti degli strumenti di screening, nel caso della cardiopatia in corso di ERSD, hanno un valore predittivo inferiore. Al momento, il trattamento dei pazienti ad alto rischio si basa largamente sui dati ottenuti dalla popolazione generale e da studi osservazionali su pazienti con ESRD.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina