Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2006 Marzo;58(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 2006 Marzo;58(1):23-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0393-2249

Online ISSN 1827-1758

 

Minerva Urologica e Nefrologica 2006 Marzo;58(1):23-8

 REVIEW

Deficit renale cronico da trapianto: l’evidenza di una modificazione nell’immunosoppressione

Kingston R. W. C., Goldsmith D. J. A.

Department of Renal Medicine and Transplantation Guy’s Hospital, London,UK

Nel trapianto renale gli inibitori della calcineurina (calcineurin inhibitors, CNI) hanno avuto un ruolo fondamentale nella riduzione del tasso di rigetto acuto. Sfortunatamente questo non si è accompagnato a un miglioramento del tasso di sopravvivenza del trapianto a lungo termine. Lo sviluppo di nefropatia cronica da trapianto (chronic allograft nephropathy, CAN) rappresenta la seconda causa più comune di perdita dell’organo trapiantato, dopo la morte per cause cardiovascolari. La CAN ha un’eziologia multifattoriale, che comprende fattori immunologici e non immunologici correlati sia al donatore sia al ricevente del trapianto. L’utilizzo di CNI è stato chiamato in causa quale fattore di rischio di sviluppo di CAN. Con il continuo sviluppo di nuovi agenti immunosoppressivi la possibilità di evitare i CNI è diventata una realtà. Per valutare le strategie per minimizzare l’esposizione ai CNI, o per evitarla, e prolungare quindi la sopravvivenza dell’organo trapiantato, sono stati disegnati molti studi. Per poter evitare i CNI e quindi prolungare la sopravvivenza dell’organo trapiantato, nel regime farmacologico si devono sostituire gli immunodepressivi aggiuntivi. Gli effetti collaterali a lungo termine degli immunosoppressivi utilizzati devono essere ben chiari quando si decide di cambiare un farmaco. Alla luce dei dati attuali, la riduzione dei CNI, con l’utilizzo ottimale del mofetil micofenolato, sembra essere la strategia più efficace per la gestione dei pazienti con CAN.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina