Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2005 March;57(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 2005 March;57(1):47-52

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,984


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Urologica e Nefrologica 2005 March;57(1):47-52

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Neoplasia testicolare monolaterale: frequenza ed effetti di una coincidentale testiculopatia controlaterale sul quadro spermatico

Vicari E. 1, Barone N. 2, La Vignera S. 1, Battiato C. 1, Salemi M. 2, Castiglione R. 2, Giammusso B. 3

1 Sezione di Endocrinologia Andrologia e Medicina Interna Dipartimento di Scienze Bio-Mediche Università degli Studi di Catania, Catania 2 Dottorato di Ricerca in Scienze Andrologiche Università degli Studi di Catania, Catania 3 Cattedra di Urologia Ospedale Vittorio Emanuele Università degli Studi di Catania, Catania


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo di questo lavoro era valutare la frequenza di una testiculopatia primitiva controlaterale e la sua influenza negativa sul quadro spermatico di pazienti con tumore testicolare monolaterale.
Metodi. Ventiquattro pazienti (età media 26 anni, range 19-38) con tumore testicolare delle cellule germinali (seminoma, SEM, in 10 casi; non-seminoma, NSEM, nei restanti 14) dopo orchiectomia e prima della radio- e/o chemioterapia antiblastica furono sottoposti a spermiogramma, esame obiettivo ed ecografico del testicolo rimasto.
Risultati. I pazienti con SEM avevano valori della concentrazione spermatica, numero totale spermatozoi e motilità progressiva significativamente più alti di quelli riscontrati nei pazienti con NSEM. Nell’in-sieme, 5/24 (2 SEM; 3 NSEM) (20,8%) esibirono azoospermia; 10 (41,7%) (3 SEM; 7 NSEM) avevano un quadro di oligo-, asteno- e/o terato-zoospermia (OAT). Gli altri 9 pazienti (37,5%) (5 SEM; 4 NSEM) esibirono normali parametri spermatici. Il volume del testicolo superstite era ridotto (<12 ml) in 4/5 casi (80%) di azoospermia, in 7/10 casi (70%) di OAT, e in nessun (0%) dei pazienti con normozoospermia. Una biopsia testicolare eseguita nei 5 pazienti con azoospermia (di cui 4 con ridotto volume testicolare) confermò la diagnosi di testiculopatia primitiva (sindrome a sole cellule di Sertoli in 4/5, e arresto maturativo spermatogenetico in 1/5 casi).
Conclusioni. Una dispermia lieve (OAT) o più severa (azoospermia) nei pazienti con tumore testicolare monolaterale è associata a una coincidentale (controlaterale al lato colpito dalla neoplasia testicolare) testiculopatia primitiva (ridotto volume testicolare e/o alterata spermatogenesi alla biopsia testicolare).

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail