Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2005 March;57(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 2005 March;57(1):33-45

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEWS  


Minerva Urologica e Nefrologica 2005 March;57(1):33-45

lingua: Italiano

La terapia nutrizionale nel nefropatico non dializzato

Rondanelli M. 1, Opizzi A. 1, Bonisio A. 1, Lingua S. 2, Cena H. 2, Giacosa A. 3, Roggi C. 2

1 Servizio Endocrino-Nutrizionale Istituzioni Assistenziali Riunite, Pavia,
2 Sezione Nutrizione Dipartimento di Scienze Sanitarie Applicate Università degli Studi di Pavia, Pavia
3 S.C. di Gastroenterologia e Nutrizione Clinica Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro, Genova


PDF  


L’intervento nutrizionale è cruciale per la terapia conservativa dell’insufficienza renale cronica e per posticipare l’inizio della terapia sostitutiva. Gli obiettivi specifici dell’approccio nutrizionale sono rappresentati da: controllo dell’intake proteico, controllo dell’intake dei fosfati e del calcio, controllo dell’intake del potassio, controllo dell’intake di sodio, controllo dell’intake calorico, controllo dell’intake lipidico, con particolare attenzione alla suddivisione fra polinsaturi/monoinsaturi/saturi, controllo dell’intake vitaminico, prevenzione della malnutrizione; se si manifesta malnutrizione, ricerca dell’inversione metabolica mediante utilizzo di integratori orali oppure di nutrizione artificiale, anche per brevi periodi. La corretta gestione nutrizionale nel paziente con insufficienza renale cronica consente di rallentare la progressione della patologia, prevenire e controllare la sintomatologia uremica, posticipare l’avvio dell’emodialisi o della dialisi peritoneale, determinando un significativo miglioramento della qualità di vita a breve e lungo termine del paziente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail