Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2004 Settembre;56(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2004 Settembre;56(3):305-17

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEWS  


Minerva Urologica e Nefrologica 2004 Settembre;56(3):305-17

lingua: Inglese

La dialisi nel paziente anziano: nuove possibilità e nuove problematiche

Cassidy M. J. D., Sims R. J. A.

Renal and Transplant Unit Nottingham City Hospital NHS Trust Nottingham, UK


PDF  


Nel corso degli ultimi 2 decenni, si è assistito a un notevole aumento dell’incidenza e della prevalenza dei pazienti anziani sottoposti a terapia sostitutiva renale ed è verosimile che questa tendenza prosegua in futuro. Il presente articolo comprende una review delle modificazioni demografiche della popolazione dei pazienti nefropatici e una discussione delle possibili motivazioni di questi cambiamenti. Viene condotta un’analisi del profilo clinico del paziente nefropatico in età avanzata e vengono enumerate le necessità e le richieste specifiche per questo gruppo di pazienti. Viene posta particolare attenzione sulle modalità di dialisi e sulle problematiche relative all’accesso vascolare, alla malnutrizione, alle cadute a terra e alle fratture, al deterioramento cognitivo, alla depressione, ai farmaci e al dolore. Risulta evidente che i pazienti più anziani possono trarre benefici significativi dalla dialisi, nonostante presentino un rischio aumentato di comorbilità e una prognosi incerta in seguito al trattamento dialitico. Ai fini di informare correttamente i pazienti circa le opzioni terapeutiche a disposizione, è indispensabile fornire delle informazioni relative alla prognosi. Per alcuni pazienti, la dialisi può non rappresentare l’opzione terapeutica di prima scelta, mentre per altri può risultare appropriata la sospensione della dialisi. Di conseguenza, è necessario che il nefrologo abbia delle competenze specifiche riguardanti le problematiche del paziente in fase terminale e il controllo di tipo palliativo della sintomatologia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail