Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2004 Settembre;56(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2004 Settembre;56(3):249-57

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

REVIEWS  


Minerva Urologica e Nefrologica 2004 Settembre;56(3):249-57

lingua: Inglese

Epidemiologia e significato clinico delle infezioni da virus epatotropi nei pazienti sottoposti a dialisi: un aggiornamento

Fabrizi F. 1,2, Bunnapradist S. 2, Lunghi G. 3, Aucella F. 4, Martin P. 2

1 Nephrology and Dialysis Division Maggiore Hospital, IRCCS, Milan, Italy
2 Center for Liver and Kidney Diseases and Transplantation Cedars-Sinai Medical Center UCLA School of Medicine, Los Angeles, CA, USA
3 Hygiene Institute, Maggiore Hospital IRCCS, Milan, Italy
4 Nephrology Division General Hospital S. Giovanni Rotondo, IRCCS, Italy


PDF  


L’infezione da virus dell’epatite C è frequente tra i pazienti sottoposti a dialisi a lungo termine nei Paesi industrializzati e nei Paesi in via di sviluppo. L’analisi della storia naturale dell’infezione da virus dell’epatite C nella popolazione dei pazienti in dialisi non è agevole; tuttavia, studi recenti hanno dimostrato che la positività agli anticorpi anti-HCV rappresenta un fattore di rischio significativo e indipendente per la mortalità tra i pazienti sottoposti a dialisi. Alcune meta-analisi condotte recentemente hanno dimostrato che la monoterapia iniziale con interferone è efficace nel trattamento dell’epatite C di tipo cronico nei pazienti in dialisi, anche se la tolleranza alla monoterapia con interferone è piuttosto scarsa. Sono stati programmati studi multicentrici su larga scala di tipo prospettico circa l’utilizzo dell’interferone pegilato per il trattamento dell’epatite cronica da virus C. La frequenza dell’infezione da virus dell’epatite B nei pazienti sottoposti a dialisi di mantenimento nei Paesi industrializzati è bassa, ma non trascurabile; la sieropositività persistente per l’antigene di superficie del virus dell’epatite B è molto più elevata nei Paesi meno sviluppati. Studi recenti hanno dimostrato che la sieropositività per l’antigene di superficie del virus dell’epatite B e il DNA del virus dell’epatite B costituisce un fattore predittivo indipendente e significativo per la disfunzione epatocellulare nei pazienti sottoposti a dialisi. Non sono state osservate differenze significative nei tassi di morbilità e mortalità tra i pazienti in dialisi, sulla base della positività sierologica all’antigene di superficie del virus dell’epatite B. Dati preliminari suggeriscono che la lamivudina è un farmaco sicuro ed efficace nei pazienti sottoposti a dialisi a lungo termine.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail