Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2002 Giugno;54(2) > Minerva Urologica e Nefrologica 2002 Giugno;54(2):131-3

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0393-2249

Online ISSN 1827-1758

 

Minerva Urologica e Nefrologica 2002 Giugno;54(2):131-3

 CASI CLINICI

Instabilità detrusoriale come presentazione atipica di lipoma retroperitoneale gigante

Forte F., Maturo G., Catania A. *, Sorrenti S. *, Gemma D. * *, Foti N. * , Vanni B. *, Virgili G., Vespasiani G., De Antoni E. *

From the Department of Urology University of Rome “Tor Vergata” - Rome
*Department of Surgical Sciences
**Section of Medical Oncology Department of Experimental Medicine University of Rome “La Sapienza” - Rome

I lipomi retroperitoneali appartengono ad un gruppo eterogeneo di tumori di derivazione mesenchimale. Sono generalmente di notevoli dimensioni e più frequentemente interessano il retroperitoneo, il perineo e la pelvi. I lipomi sono clinicamente caratterizzati da una crescita lenta e dalla tendenza a comprimere gli organi retroperitoneali e pelvici, determinando inoltre una dislocazione delle anse intestinali e dei grossi vasi. Presentiamo il caso di un paziente di sesso maschile, di 61 anni, giunto alla nostra osservazione per sintomi disurici caratterizzati da pollachiuria diurna e notturna ed urgenza minzionale. L’esame urodinamico ha evidenziato una instabilità detrusoriale in vescica di ridotta capacità. La TC addomino-pelvica ha mostrato una enorme massa retroperitoneale estesa dalla regione sottoepatica destra all’ipogastrio ed alla radice della coscia destra, che determinava notevole compressione della cupola vescicale. È stata effettuata l’escissione chirurgica completa della massa: l’esame istologico deponeva per un lipoma con aree di degenerazione mixoide ben differenziata. Dopo l’escissione della massa i sintomi disurici sono cessati del tutto. In base ad un’attenta analisi della letteratura, il caso da noi presentato risulta essere il primo riguardante un’instabilità detrusoriale secondaria a compressione vescicale dovuta ad un lipoma retroperitoneale.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina