Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2002 Giugno;54(2) > Minerva Urologica e Nefrologica 2002 Giugno;54(2):119-26

ULTIMO FASCICOLOMINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Urologica e Nefrologica 2002 Giugno;54(2):119-26

lingua: Italiano

Gravidanza dopo trapianto di rene. Revisione della letteratura internazionale e presentazione della casistica personale

Tardivo I., Curtoni E. S. *, Segoloni G. P. **, Dall’Omo A. M. *, Miniero R.

Università degli Studi - Torino Ospedale S. Luigi di Orbassano Divisione di Pediatria Azienda Ospedaliera S. Giovanni Battista - Torino
*Servizio di Immunologia dei Trapianti
**Divisione di Nefrologia e Dialisi


PDF  ESTRATTI


Obiettivo. L’affinamento delle tecniche chirurgiche e, soprattutto, la maggiore efficacia della terapia immunosoppressiva hanno significativamente migliorato i risultati dei trapianti d’organo. La qualità di vita di questi pazienti è oggi buona nella maggioranza dei casi ed anche la gravidanza, quale espressione di un ritorno alla normalità, non rappresenta più un evento eccezionale, soprattutto nelle pazienti renali che ne costituiscono la più ampia casistica.
Metodi. Abbiamo raccolto retrospettivamente i dati riguardanti le gravidanze osservate dopo trapianto di rene presso la divisione di Nefrologia e Dialisi dell’Azienda Ospedaliera S. Giovanni Battista di Torino, valutando la frequenza e l’esito delle gravidanze, il tipo di complicanze occorse ed eventuali interruzioni di gravidanza, il follow-up della madre in relazione al rischio di rigetto, le condizioni di salute, il quadro ematologico e immunologico del neonato e il follow-up del bambino.
Risultati. La casistica comprende 9 gravidanze (6 a termine e 3 interrotte), osservate dal 1987 in 6 pazienti. Per quanto riguarda i bambini, se da un lato non sono state riscontrate alterazioni congenite o patologie autoimmuni, in accordo con la letteratura internazionale, si è verificata un’elevata incidenza di nascite pretermine e con bambini di basso peso rispetto all’età gestazionale. Anche dal punto di vista materno la gestazione non appare del tutto priva di rischi: complicanze durante la gravidanza sono state diagnosticate in 5 casi (83,3%).
Conclusioni. Il nostro studio indica, in accordo con la letteratura, come la gravidanza e la nascita di bambini sani siano possibili nelle donne trapiantate di rene, queste gravidanze devono essere, comunque, considerate ad alto rischio, e l’approccio multidisciplinare irrinunciabile.

inizio pagina