Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2002 Giugno;54(2) > Minerva Urologica e Nefrologica 2002 Giugno;54(2):81-91

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536

 

Minerva Urologica e Nefrologica 2002 Giugno;54(2):81-91

 REVIEWS

Proteine della risposta allo stress e ischemia renale

Kelly K. J.

From the Indiana University School of Medicine Department of Medicine, Division of Nephrology Indianapolis, IN, USA

L’insufficienza renale acuta rappresenta un’entità clinica di riscontro sempre più frequente, caratterizzata da una mortalità inaccettabilmente elevata e priva di uno specifico trattamento. L’induzione delle proteine della risposta allo stress da shock termico (HSP) rappresenta una risposta di tipo altamente protettivo, che preserva svariati tipi di cellule da differenti fattori di stress, fisiologici e ambientali. Differenti famiglie di HSP, provviste di differenti dimensioni, fungono da agenti molecolari in grado di favorire l’assunzione, da parte di enzimi e altre proteine, della loro forma attiva. Si ritiene che, dopo l’avvenuta lesione, le HSP facilitino il recupero delle normali funzioni favorendo il ritorno alla forma attiva delle proteine denaturate, e la degradazione di quelle irreversibilmente danneggiate e dei metaboliti tossici; limitando l’aggregazione dei peptidi e favorendo il corretto dispiegamento dei polipeptidi essenziali di nuova sintesi. Abbiamo recentemente dimostrato l’effetto protettivo svolto dalle HSP, se utilizzate 6 ore prima dell’insulto ischemico (ma non 48 ore prima), nei confronti dei deficit funzionali e delle alterazioni istologiche conseguenti a un insulto ischemico renale, determinato sperimentalmente da uno shock termico. Il grado di protezione osservato si riduceva quando veniva limitata l’induzione delle HSP (attraverso un breve periodo di ipertermia oppure mediante l’impiego di farmaci). Altri ricercatori hanno dimostrato l’esistenza di una correlazione, nel ratto, fra livelli di HSP 25 e precondizionamento dell’ischemia renale. Numerosi principi farmacologici si sono dimostrati in grado di incrementare l’espressione delle HSP. L’esaltazione di questi meccanismi protettivi endogeni potrà rivelarsi utile nei confronti dell’ischemia renale umana.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina