Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2001 Settembre;53(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2001 Settembre;53(3):145-58

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536

 

Minerva Urologica e Nefrologica 2001 Settembre;53(3):145-58

 REVIEW

Attuale revisione dell’infezione da citomegalovirus nel trapianto renale

Lopez-Rocafort L., Brennan D. C.

From the Washington University School of Medicine, Barnes-Jewish Hospital, Internal Medicine Department, Renal Division, St. Louis, MO

L’infezione da Citomegalovirus (CMV) continua ad essere una delle cause più comuni di morbilità e di mortalità nel soggetto trapiantato. Si è assistito ad un cambiamento da chiaramente letale a insidiosa. Nonostante l’impiego di strategie terapetitiche profilattiche e pertinenti è l’infezione virale più importante nel soggetto trapiantato. La malattia da CMV è stata associata alle due cause più comuni di rigetto tardivo del trapianto: la malattia cardiovascolare ed il rigetto cronico. L’incidenza e la morbilità dell’infezione e della malattia da CMV riflettono probabilmente la scelta della terapia immunosoppressive, e l’abilità di diagnosticare e monitorare il CMV. Sono stati sviluppati dei nuovi test molecolari che includono il dosaggio antigenico, la determinazione ibrida di captazione, la ricerca dell’RNA tramite l’amplificazione della sequenza acida nucleica (NASBA), e la DNA PCR. Nuove scoperte sono state inoltre descritte per quel che concerne la diagnosi, il monitoraggio e la terapia del problema emergente della resistenza. Nonostante tutto il santo Graal del CMV è lo sviluppo di un nuovo vaccino efficace contro questo grave patogeno virale.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina