Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2001 June;53(2) > Minerva Urologica e Nefrologica 2001 June;53(2):69-73

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,984


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Urologica e Nefrologica 2001 June;53(2):69-73

Copyright © 2001 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La scabbia in un Centro Dialisi. Mistero e pregiudizio

Deabate M. C., Calitri V., Licata C., Fidelio T., Rocchietti M., Pieri F. *, Gagliano P. **, Rabbia C. ***, Dogliani M.

ASL 6 - Ospedale Ciriè - Torino UOA Nefrologia e Dialisi *UOA Medicina **UOA Igiene Pubblica ***UOA Servizio Farmaceutico


PDF  


Obiettivo. Il prurito è una manifestazione frequente della uremia, ma le cause extra-uremia devono comunque essere ricercate al fine di evitare ritardi diagnostici: fra queste una delle più frequenti è la scabbia.
Metodi. Analisi retrospettiva della insorgenza e dell’andamento di un focolaio epidemico di scabbia in un centro dialisi di circa 160 pazienti.
Risultati. Nel 1998, nell’arco di circa 10 mesi (aprile 1998 - gennaio 1999) di sono verificati 16 casi di scabbia di cui 6 certi (scarificazione positiva) e 10 certi solo sulla base della risposta positiva al trattamento (scarificazione negativa). I pazienti sono stati trattati con benzil-benzoato al 20% in olio di oliva, ripetendo più cicli qualora necessario (massimo 6, talora con rotazione di più farmaci). Gli altri pazienti in dialisi, i famigliari, il personale, gli addetti ai trasporti, in tutto circa 400 persone sono state sottoposte a un ciclo di profilassi (settembre 1998) .
Conclusioni. L’insorgenza di una epidemia di scabbia in un centro dialisi è facilitata da diversi fattori: la presenza cronica di prurito, la neuropatia periferica sia diabetica che uremica, che induce ad un ritardo nella segnalazione, la frequente malnutrizione e la difficoltà ad effettuare un corretto isolamento da contatto. La diagnosi deve essere posta tempestivamente, tanto più se si considera che, almeno nella Regione Piemonte, siamo in una fase di recrudescenza della infestazione. Il trattamento dei contatti deve essere effettuato a tappeto ed in modo contemporaneo a tutti gli elementi della comunità coinvolta.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail