Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2001 Marzo;53(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 2001 Marzo;53(1):1-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Urologica e Nefrologica 2001 Marzo;53(1):1-5

lingua: Italiano

Aumentata proliferazione dei precursori eritroidi burst forming unit-erythroid (BFU-E) indotta in vitro dal calcitriolo nell’uremia cronica [Effetto sinergico con l’eritropoietina da DNA ricombinante (rHu-Epo)]

Aucella F., Gatta G., Vigilante M., Scalzulli R. P. *, Mantuano S. *, Carotenuto M. *, Stallone C.

Ospedale «Casa Sollievo della Sofferenza» IRCCS San Giovanni Rotondo - Foggia Divisioni di Nefrologia e Dialisi e di *Ematologia


PDF  


Obiettivo. È stato suggerito che il calcitriolo (C) sia in grado di migliorare lo stato anemico dell’IRC, ma non è chiaro se tale effetto sia dovuto ad una azione diretta sull’emopoiesi o alla soppressione dell’iperparatiroidismo secondario.
Metodi. Per chiarire tali aspetti sono stati arruolati 29 soggetti con IRC, 22 in emodialisi periodica e 7 in fase conservativa (Cl.Cr. 22-48 ml/min), tutti esenti da patologia neoplastica, ematologica o da carenza di ferro o accumulo di alluminio (eseguito test al DFO). Nessuno era in trattamento con rHuEpo o C. 4 soggetti sani fungevano da controllo. L’età media era di 62±28 anni e la durata dell’IRC era di 98±51 mesi. Si eseguiva prelievo da sangue periferico, si separava la frazione cellulare a bassa densità e le cellule mononucleate erano poste in coltura e incubate per 14 giorni in 4 differenti condizioni: a) con 3U/ml di rHuEpo; b) con 3 U/ml di rHuEpo e 30 pg di C (Abbott); c) con 3U/ml di rHuEpo e 300 pg di C; infine d) con 30 U/ml di rHuEpo e 300 pg di C.
Risultati. Negli uremici la coltura b, basse dosi combinate, mostrava una proliferazione delle BFU-E maggiore che in a (33,2±15,5 vs 17,1±9,2, p<0,02); le colture c e d ottenevano proliferazioni ancora maggiori (52,3±24 e 86,3±37,8 rispettivamente, p<0,01 vs a). Non vi era differenza tra i soggetti in dialisi e quelli in fase conservativa. Nei controlli, invece, solo la coltura d mostrava proliferazioni maggiori del basale (93±11 vs 34,6±8,3, p<0,02).
Conclusioni. Negli uremici C esercita un diretto stimolo sui precursori eritroidi in vitro, sinergico con rHuEpo. C potrebbe essere utilizzato come adiuvante nella terapia dell’anemia in corso di insufficienza renale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail