Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2000 Dicembre;52(4) > Minerva Urologica e Nefrologica 2000 Dicembre;52(4):215-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536

 

Minerva Urologica e Nefrologica 2000 Dicembre;52(4):215-8

 CASI CLINICI

Ripetuta metastatizzazione vescicale da carcinoma a cellule renali (CCR) (Descrizione del caso con particolare riguardo all’impiego degli immunomodulatori)

Vecchioli Scaldazza C., Giacomini G. *

U.O. di Urologia, *Servizio di Oncologia A.S.L. n. 5 - Jesi, Ancona

Viene descritto il caso di una ripetuta metastatizzazione vescicale da parte di un carcinoma a cellule renali in un paziente di sesso maschile di 59 anni di età. Due anni dopo essere stato sottoposto a nefrectomia il moncone ureterale residuo e la vescica furono interessate rispettivamente da due lesioni metastatiche risolte con asportazione dello stesso moncone ureterale e con resezione endoscopica vescicale. Altre 9 metastasi si svilupparono nei 12 mesi seguenti nella vescica. In ogni caso una biopsia con elettrocoagulazione furono praticate.
Le lesioni metastatiche variavano nelle dimensioni tra 2 e 4 mm. Nessun altro organo appariva interessato dalla malattia alla RMN ed alla scintigrafia ossea. Tredici mesi dopo la prima metastasi vescicale, fu iniziato un trattamento profilattico con BCG endovescicale.
Nessun caso è stato riportato in letteratura di un analogo trattamento in presenza di metastasi da carcinoma a cellule renali. Comunque a 5 mesi dall’inizio delle instillazioni con BCG e per tutto il follow-up di 19 mesi, nessuna metastasi si è più sviluppata dalla vescica.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina