Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2000 December;52(4) > Minerva Urologica e Nefrologica 2000 December;52(4):173-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Urologica e Nefrologica 2000 December;52(4):173-8

lingua: Italiano

Pielonefrite xantogranulomatosa (Nostra esperienza e review della letteratura)

Mattace Raso D., Autorino R., Schiavo M., D’Armiento M.

Università degli Studi «Federico II» - Napoli Servizio di Endourologia, Clinica Urologica


PDF  


Obiettivo. Descriviamo 10 casi di pielonefrite xantogranulomatosa (PXG) con le relative considerazioni diagnostiche e terapeutiche ed analizziamo le altre esperienze riportate in letteratura.
Metodi. Abbiamo rivalutato retrospettivamente le caratteristiche cliniche, di laboratorio e radiologiche di 10 pazienti sottoposti a nefrectomia presso il nostro Istituto, dall’ottobre 1993 al marzo 2000, con diagnosi anatomopatologica postoperatoria di pielonefrite xantogranulomatosa.
Risultati. Il sintomo più frequente era stato il dolore al fianco. Tutti i pazienti avevano presentato leucocitosi. L’urinocoltura era positiva per Proteus Mirabilis in quattro pazienti (40%) e per E. Coli in tre (30%). In tutti i pazienti erano state effettuate un’ecografia ed un’urografia; sei pazienti (60%) erano stati sottoposti a TC e, di questi, due (20%) a RM. In sei pazienti (60%) era associata calcolosi urinaria, che era del tipo ramificato in quattro di essi (40%). La patologia è stata unilaterale in tutti i casi, interessando in sei casi il rene destro ed in quattro quello sinistro. In tre casi (30%) si è presentata in forma focale. Il trattamento è stato sempre chirurgico ed è consistito in una nefrectomia; un approccio chirurgico conservativo è stato utilizzato in due casi (20%). Al follow-up 4 pazienti (40%) hanno mostrato infezioni urinarie ricorrenti. In nessun paziente si è avuta recidiva di malattia.
Conclusioni. PXG è una patologia infiammatoria cronica poco comune spesso associata ad infezioni urinarie ricorrenti e/o calcolosi urinaria. La presentazione clinica è aspecifica per cui la diagnosi differenziale con altre patologie renali diventa difficile. Un esame TC può essere di aiuto per formulare la diagnosi. Il trattamento è chirurgico e consiste in una nefrectomia, mentre un approccio conservativo può essere riservato in alcuni casi alla forma focale. Sono stati inoltre descritti casi trattati con terapia antibiotica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail