Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2000 September;52(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2000 September;52(3):143-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

  XVI CONGRESSO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI NEFROLOGIA SEZIONE PIEMONTE-VALLE D’AOSTA
Castello di Rivoli, Rivoli (TO) 10 ottobre 1998


Minerva Urologica e Nefrologica 2000 September;52(3):143-5

lingua: Italiano

Valutazione del contenuto emoglobinico reticolocitario (CHr) come guida alla supplementazione marziale nei pazienti emodializzati

Bosticardo G. M., Arnoletti F. *, Dapiran D. *, Zola P. *, Maneglia M., Avalle U., Giacchino F.

Regione Piemonte - Azienda USL 9 - Ivrea Servizio Nefrologia e Dialisi *Laboratorio Analisi


PDF  


Obiettivo. Recentemente è stata affermata l’utilità degli indici reticolocitari per lo studio della carenza «funzionale» di ferro nella monitorizzazione della terapia marziale.
Metodi. Nel presente lavoro è stato studiato in particolare l’andamento del contenuto emoglobinico reticolocitario (CHr) in 68 uremici cronici.
Risultati. I valori di CHr sono apparsi scarsamente correlati con la percentuale di eritrociti ipocromici (marker ampiamente validato di carenza marziale), e parrebbero anche scarsamente sensibili essendo risultati patologici in soli tre casi; inoltre, in questi stessi casi, il basso valore di CHr si associa a riduzione del volume globulare medio (MCV). Nella nostra casistica il contenuto emoglobinico reticolocitario appare inoltre correlato al valore di MCV, pur con bassa significatività.
Conclusioni. Ciò induce ad ipotizzare che il CHr sia un indice poco affidabile di carenza marziale, risultando piuttosto dipendente dal volume cellulare.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail