Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2000 September;52(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2000 September;52(3):123-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

  XVI CONGRESSO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI NEFROLOGIA SEZIONE PIEMONTE-VALLE D’AOSTA
Castello di Rivoli, Rivoli (TO) 10 ottobre 1998


Minerva Urologica e Nefrologica 2000 September;52(3):123-5

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Insufficienza renale acuta e losartan: una nuova recente segnalazione degli inibitori dei recettori AT1 dell’angiotensina II

Dionisio P., Valenti M., Caramello E., Bergia R., Cravero R., Berto I. M., Agostini B., Monaci G., Bajardi P.

Ospedale degli Infermi - Biella Servizio di Nefrologia e Dialisi


PDF  


Losartan rappresenta il capostipite di una nuova classe di farmaci antagonisti dei recettori di tipo AT1 dell’angiotensina II (ANG II). Questo farmaco antipertensivo riduce i valori pressori inibendo le azioni biologiche dell’ANG II, riduce la proteinuria e la progressione dell’IRC, dimostrandosi quindi un farmaco di estremo interesse clinico.
Scopo del presente lavoro è tuttavia quello di presentare 3 casi di insufficienza renale acuta (IRA) giunti alla nostra osservazione in corso di terapia con losartan. Nessun paziente mostrava stenosi delle arterie renali o altri fattori di rischio suggestivi per lo sviluppo di IRA.
In conclusione allo stato attuale delle conoscenze è necessario sottolineare che il losartan, considerati gli effetti farmacologici, del tutto comparabili con quelli degli ACEI, possa avere analoghi effetti sulla funzione renale. Noi suggeriamo quindi che la prescrizione di losartan in pazienti a rischio con età avanzata, preesistente IRC, stenosi dell’arteria renale, monorene, uso di diuretico, debba indurre il clinico a considerare il farmaco alla stessa stregua di un ACEI.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail