Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 1999 March;51(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 1999 March;51(1):11-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,984


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Urologica e Nefrologica 1999 March;51(1):11-5

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Le calcificazioni vascolari dopo trapianto di rene (Risultati preliminari)

Canavese C., Cesarani F., Stratta C., Maddalena E., Messina M., Segoloni G. P.

Università degli Studi - Torino Dipartimento di Discipline Medico-Chirurgiche Sezioni di Nefro-Urologia e di *Scienze Radiologiche


PDF  


Obiettivo. Le calcificazioni vascolari (CV) sono frequenti nei pazienti in dialisi cronica, ma il loro significato clinico è incerto ed il ruolo del trapianto (TRP) nella storia naturale del loro sviluppo non è stato molto studiato.
Metodi. A questo proposito sono stati rivalutati gli esami radiografici sistematici dello scheletro e i parametri clinico-biochimici di 13 pazienti che sono rientrati in dialisi presso il nostro Centro dopo fallimento di TRP. Ai cambiamenti delle CV avvenuti durante il TRP è stato dato un punteggio di 1 se non c’era progressione (4 pazienti), 2 se era lieve o moderata (4 pazienti), 3 se era severa (5 pazienti=38,4%).
Risultati. L’associazione più frequente con i parametri clinico-biochimici esaminati è quella tra il gruppo di pazienti con punteggio=3 e valori di prodotto Ca*P più elevati e terapia con vitamina D.
In 4 di questi 5 pazienti si sono verificati eventi vascolari maggiori e 4 su 5 sono stati sottoposti ad intervento di paratiroidectomia (PTX) prima, durante o dopo il TRP.
Conclusioni. Da questo studio preliminare si può concludere che a) la possibilità di un drammatico peggioramento delle CV durante il trapianto non è un evento raro e ha una implicanza clinica notevole, b) la PTX prima del TRP, nei pazienti che non hanno raggiunto un buon controllo con la terapia medica, può rimuovere almeno uno dei fattori di rischio probabilmente coinvolti in questo processo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail