Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 1998 March;50(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 1998 March;50(1):55-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA UROLOGICA E NEFROLOGICA

Rivista di Nefrologia e Urologia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,536


eTOC

 

  XIV CONGRESSO DELLA SOCIETA' ITALIANA DI NEFROLOGIA SEZIONE PIEMONTE-VALLE D'AOSTA
(Ivrea, 5 ottobre 1996)


Minerva Urologica e Nefrologica 1998 March;50(1):55-9

lingua: Italiano

La stenosi della vena succlavia nei pazienti in emodialisi

Cavatorta F., Campisi S., Zollo A.

USL n. 1 Imperiese - Ospedale - Imperia, Divisione di Nefrologia e Dialisi


PDF  


Riportiamo sei pazienti in emodialisi cronica nei quali si è sviluppato un edema imponente dell’arto superiore dopo il confezionamento di una FAV nativa o protesica omolaterale dovuto a stenosi o occlusione della vena succlavia secondaria a pregressi cateterismi della vena stessa o all’inserimento di un pacemaker cardiaco a permanenza. In tutti i casi si è dovuto provvedere alla chiusura della FAV. Considerando il fatto che la stenosi della vena succlavia si sviluppa insidiosamente e rimane in genere asintomatica e che non è possibile riconoscere fattori predisponenti alla comparsa di tale complicanza riteniamo opportuno valutare in tutti i pazienti con precedenti cateterismi della vena succlavia o portatori di pacemaker cardiaco a permanenza la pervietà della vena succlavia prima di creare un accesso vascolare. Viene inoltre consigliato di evitare l’uso della vena succlavia quale accesso vascolare per l’emodialisi e di sostituirlo con la vena giugulare interna di destra e di provvedere ad un trattamento antiaggregante o anticoagulante nei pazienti in emodialisi portatori di pacemaker cardiaco a permanenza. A causa di tutti questi problemi noi abbiamo da vari anni completamente abbandonato nel nostro Centro la pratica del cateterismo della vena succlavia nei pazienti in «end-stage renal failure» e usiamo di preferenza la vena giugulare interna di destra.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail