Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Articles online first > Minerva Stomatologica 2013 Jun 11

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

Minerva Stomatologica 2013 Jun 11

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Approccio vestibolare a spessore totale in chirurgia protesica: valutazione retrospettiva di 90 pazienti e revisione della letteratura

D’Agostino A. 1, Trevisiol L. 1, Gugole F. 2, Albanese M. 1, De Santis D. 1, Bertossi D. 1, P. F. Nocini P. F. 1

1 Oral and Maxillofacial Surgery Dental School, University of Verona, Verona, Italy;
2 Private Practice, Verona, Italy


PDF  


L’atrofia dei mascellari può rappresentare una sfida in chirurgia maxillo facciale e chirurgia orale. La correzione dei difetti ossei a fronte di processi atrofici è frequentemente raggiunta mediante innesti ossei ad onlay. Nel seguente articolo, sarà discussa una tecnica di disegno del lembo per l’approccio alla cresta alveolare atrofica. L’incisione primaria è eseguita nel versante vestibolare del fornice orale, apicalmente alla giunzione mucogengivale. Si solleva un lembo a spessore mucoso completo per esporre la parete laterale mascellare o mandibolare, e la cresta alveolare è raggiunta dopo l’esposizione dell’cresta alveolare edentula. Questa tecnica mira a diminuire l’incidenza di deiscenze e infezioni nell’area dell’innesto osseo, rendendo la procedura di innesto attuabile, sicura e preservando i tessuti molli sovrastanti. Questa tecnica di disegno del lembo è stata applicata a 90 casi (167 siti) per contrastare atrofie da medie a severe, ottenendo buoni risultati a confronto con le tradizionali tecniche di incisione crestale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

dario.bertossi@univr.it