Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2016 Dicembre;65(6) > Minerva Stomatologica 2016 Dicembre;65(6):343-52

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale

Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0926-4970

Online ISSN 1827-174X

 

Minerva Stomatologica 2016 Dicembre;65(6):343-52

 ORIGINAL ARTICLES

Valutazione delle aspettative dei pazienti nei confronti del trattamento ortodontico: risultati di una indagine con questionario

Margarita PAPAKOSTOPOULOU 1, Marco MIGLIORATI 2, Chiara CALZOLARI 2, Fabio GALLO 3, Sara DRAGO 2, Armando SILVESTRINI BIAVATI 2

1 Private Practitioner, Athens, Greece; 2 Department of Orthodontics, University of Genoa, Genoa, Italy; 3 Section of Biostatistics, Department of Health Sciences, University of Genoa, Genoa, Italy

INTRODUZIONE: L’obiettivo di questo studio era analizzare gli aspetti psicologici dei pazienti durante il trattamento ortodontico, valutando le loro aspettative e confrontando pazienti greci e italiani.
METODI: Questo studio descrittivo trasversale ha coinvolto un campione di 228 pazienti (113 italiani, 115 greci) sottoposti a trattamento ortodontico. È stato utilizzato un questionario, composto da sei domande. I pazienti hanno assegnato ad ogni domanda un punteggio su una scala da 0 a 10. I partecipanti hanno completato un questionario, validato come misura delle aspettative ortodontiche, testato per l’affidabilità. Sono stati eseguiti un’analisi descrittiva delle risposte, un confronto tra maschi e femmine e tra greci e italiani. Il punteggio-aspettativa è stato calcolato sommando le 6 voci del questionario. È stata effettuata un’analisi di affidabilità utilizzando la correlazione Item-test, Item-rest e l’α di Cronbach. Gli elementi con coefficienti alfa superiori a 0,7 sono stati considerati accettabili. Per studiare l’effetto nazionalità e genere sul punteggio-aspettativa, è stata effettuata un’analisi univariata mediante il Test di Wilcoxon. Le differenze con valore P inferiore a 0.05 sono state considerate significative.
RISULTATI: Complessivamente il coefficiente di aspettativa α di Cronbach è stato 0.73 (95% CI: 0.65-0.81). La media del punteggio-aspettativa è stata di 7,8 (SD=1,8). È stata rilevata una correlazione significativamente bassa tra voce A1 (motivazione) e voce A3 (motivazione richiesta trattamento) (r=0,17; P=0,0101) e una correlazione significativamente moderata tra voce A4 (compliance) e voce A6 (aspettative) (r=0,59; P<0,0001).
CONCLUSIONI: I maschi hanno evidenziato un punteggio significativamente più alto rispetto alle femmine, e così anche i pazienti greci rispetto a quelli italiani.

lingua: Italiano, Inglese


FULL TEXT  SUPPLEMENTARY MATERIAL  ESTRATTI

inizio pagina