Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2016 Agosto;65(4) > Minerva Stomatologica 2016 Agosto;65(4):191-206

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ORIGINAL ARTICLES  


Minerva Stomatologica 2016 Agosto;65(4):191-206

lingua: Italiano, Inglese

Prevalenza e distribuzione delle lesioni non maligne della mucosa orale nella popolazione della Sicilia Occidentale

Silvia TORTORICI 1, Salvatore CORRAO 2, Giuseppe NATOLI 2, Paolo DIFALCO 1

1 Department of Surgical, Oncological and Stomatological Disciplines, University of Palermo, Palermo, Italy; 2 ARNAS Civico, Palermo, Centro di Ricerca per l’efficacia e l’appropriatezza in medicina (C.R.E.A.M.), Dipartimento Biomedico di Medicina Interna e Specialistica (Di.Bi.M.I.S.), University of Palermo, Palermo, Italy


PDF  ESTRATTI


OBIETTIVO: Obiettivo dello studio è stato determinare la prevalenza delle lesioni non maligne della mucosa orale nella popolazione siciliana. Inoltre, abbiamo valutato l’associazione tra lesioni orali e fattori di rischio.
METODI: Questo studio ha analizzato un totale di 2539 pazienti consecutivi, che sono stati esaminati per la presenza di varie lesioni orali presso il Dipartimento di Discipline Chirurgiche, Oncologiche e Odontoiatriche delle Università di Palermo, nel periodo gennaio 2012-febbraio 2015.
RISULTATI: Il campione era costituito da 1330 (52%) femmine e 1209 (48%) maschi. L’età variava dai 13 agli 86 anni con un’età media di 47,16 anni. Tra i pazienti visitati 1495 (58%), presentavano una o più lesioni. Tutti i soggetti erano caucasici. La lesione più comune è stata la lingua patinata/villosa, che ha colpito il 16,7% dei soggetti, seguita da: varici linguali (16,3), lesioni erpetiche secondarie (8,1%), ulcere aftose (7,9%), granuli di Fordyce (7,2%), cheratosi frizionale (5%), candidosi (4,9%), iperplasia fibroepiteliale (4,6%), papilloma squamoso (3,8%), ulcere traumatiche (3,7%), leucoplachia (3,2%), lingua scrotale (3,2%), emangiomi (2,7%), morsicatio buccarum (2,5%), pigmentazioni da melanina (2,5%), lichen planus (2,5%), leucoedema (2,1%), petecchie (1,1%), lingua a carta geografica (1%), cheilite attinica (0,8%) ed eritroplachia (0,1%). Nel complesso, la prevalenza delle lesioni non maligne della mucosa orale era legata a vari fattori come età, genere, patologie e abitudini a rischio.
CONCLUSIONI: L’alta prevalenza richiede un’adeguata conoscenza della distribuzione di queste lesioni nella popolazione generale. Gli odontoiatri dovrebbero anche essere informati sull’eziopatogenesi, la presentazione clinica, la diagnosi e il trattamento di queste lesioni.

inizio pagina