Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2016 April;65(2) > Minerva Stomatologica 2016 April;65(2):72-84

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ORIGINAL ARTICLES  


Minerva Stomatologica 2016 April;65(2):72-84

lingua: Italiano, Inglese

Confronto tra espansione del mascellare superiore ottenuto tramite l’utilizzo dell’espansore rapido del mascellare e l’espansione rapida del mascellare chirurgicamente assistita

Lucia GIANNINI 1, 2, Cinzia MASPERO 1, 2, Guido GALBIATI 1, 2, Mattia FERESINI 1, 2, Giampietro FARRONATO 1, 2

1 Fondazione Cà Granda IRCCS, Ospedale Maggiore Policlinico, Milan, Italy; 2 Department of Biomedical, Surgical and Dental Sciences, University of Milan, Milan, Italy


FULL TEXT  


OBIETTIVO: Lo scopo di questo studio retrospettivo è stato quello di valutare e confrontare dal punto di vista cefalometrico gli effetti scheletrici e dentali dell’espansione del palato eseguito tramite espansione ortopedica e chirurgicamente assistita.
METODI: Lo studio include 102 pazienti (50 femmine e 52 maschi) presentanti un cross-bite bilaterale causato da una dimensione insufficiente della base apicale e sono stati divisi in due gruppi: il primo gruppo (63 pazienti, 36 maschi e 27 femmine) che includeva i pazienti trattati con una espansione ortoepdica rapida. Il secondo gruppo (39 pazienti, 16 maschi e 23 femmine) che includeva pazienti che sono stati trattati tramite una espansione chirurgicamente assistita. Per ciascun paziente sono stati eseguiti i tracciati cefalometrici su teleradiografia latero laterale prima del trattamento (T0) e dopo la fase di stabilizzazione (T1). La statistica descrittiva ha incluso l’analisi di media e deviazione standard. La differenza tra le medie in T0 e T1 è stata analizzata. L’analisi statistica è stata eseguita tramite un test T per campioni appaiati e la significatività statistica è stata considerate per P<0,05.
RISULTATI: Entrambi gli approcci terapeutici consentono di ottenere un aumento dell’ampiezza della maxilla statisticamente significativa e la simmetrizzazione delle due metà sia a livello scheletrico che dentale.
CONCLUSIONI: L’espansione chirurgica e quella ortopedica possono entrambe essere utilizzate per correggere l’ipoplasia trasversale del mascellare. La scelta è correlate all’età e allo stadio di ossificazione della sutura del palato.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

giampietro.farronato@unimi.it