Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2014 September;63(9) > Minerva Stomatologica 2014 September;63(9):307-14

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2014 September;63(9):307-14

Copyright © 2014 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Analisi degli effetti dell’espansione rapida palatale sulle dimensioni dei tessuti molli nasali

Santariello C., Nota A., Baldini A., Ballanti F., Cozza P.

Department of Orthodontics, University of Rome “Tor Vergata”, Rome, Italy


PDF  


OBIETTIVO: Lo scopo di questo studio è analizzare le variazioni delle dimensioni nasali associate a terapia con RME in pazienti in età pre-puberale comparandole con un gruppo controllo non trattato ed omogeneo per età.
METODI: Un gruppo di 61 soggetti (26F, 35M, età media 10,5±1,8 anni) è stato selezionato per essere sottoposto ad un trattamento di espansione palatale rapida; 41 soggetti (26F, 15M) sono invece stati selezionati come gruppo controllo.
Entrambi i gruppi sono stati sottoposti a misurazioni dei tessuti molli nasali, effettuate utilizzando un calibro, in tre diversi momenti del trattamento: T0-prima del posizionamento dell’RME; T1- al termine della fase attiva di espansione; T2-alla rimozione dell’espansore (circa 6 mesi dopo T1).
RISULTATI: L’ANOVA ha mostrato incrementi statisticamente significativi (P<0,0001) delle misurazioni del GAC (0,8±0,2 mm) nel gruppo di studio, le differenze riscontrate per le misurazioni di AB si sono rivelate non significative (P=0,0784).
CONCLUSIONI: La terapia di espansione rapida del palato è in grado di determinare, sui pazienti in età prepuberale, un incremento nei tessuti molli della cartilagine alare maggiore (GAC) per circa 1 mm. Questo incremento non può però essere considerato di impatto clinico. La base alare subisce incrementi inferiori rispetto alla GAC, questo incremento è inoltre privo di significatività statistica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

claudiasantariello@gmail.com