Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2014 Settembre;63(9) > Minerva Stomatologica 2014 Settembre;63(9):295-306

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Stomatologica 2014 Settembre;63(9):295-306

 ARTICOLI ORIGINALI

Collaboration Spotting in Odontostomatologia

Leonardi E. 1, Agocs A. 2, Fragkiskos S. 2, Kasfikis N. 2, Le Goff J. M. 2, Cristalli M. P. 3, Luzzi V. 3, Polimeni A. 3

1 Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), Sezione di Roma, Rome, Italy;
2 European Organization for Nuclear Research (CERN), Geneva, Switzerland;
3 Department of Oral and Maxillo‑facial Sciences, La Sapienza University, Rome, Italy

OBIETTIVO: Obiettivo del progetto Collaboration Spotting è stato quello di creare un sistema automatico per raccogliere informazioni sulle pubblicazioni e i brevetti relativi a una determinata tecnologia, di individuare i principali attori coinvolti, e di individuare collaborazioni e tecnologie correlate. Le informazioni raccolte possono essere visualizzate in un browser web come mappe grafiche interattive che mostrano in modo intuitivo gli attori e le loro collaborazioni (sociogramma) e le relazioni tra le tecnologie (tecnogramma). Noi proponiamo di utilizzare il sistema per studiare tecnologie legate all’odontostomatologia.
METODI: Per creare un sociogramma, va creato un filtro logico basato su una serie di parole chiave correlate alla tecnologia studiata. Questo filtro viene utilizzato per estrarre un elenco di pubblicazioni dal database Web of Science™. La lista è convalidata da un esperto nella tecnologia e inviata al CERN dove viene inserita nel database di Collaboration Spotting. Qui, un sistema software automatico utilizza i dati per generare le mappe finali.
RISULTATI: Abbiamo studiato una serie di recenti tecnologie legate a procedure di rigenerazione ossea di difetti oro-maxillo-facciali di dimensione critica, vale a dire l’uso di idrossiapatite porosa come sostituto osseo (bone graft) o come supporto tridimensionale (scaffold) per la semina e la differenziazione ex vivo di cellule staminali mesenchimali. Abbiamo prodotto i sociogrammi per queste tecnologie e le mappe risultanti sono ora accessibili online.
CONCUSIONI: Il sistema Collaboration Spotting permette la creazione automatica di mappe interattive per mostrare lo sviluppo e lo stato attuale della ricerca su una specifica tecnologia. Queste mappe sono uno strumento ideale sia per i ricercatori che vogliano valutare lo stato dell’arte in una determinata tecnologia, sia per le organizzazioni di ricerca che vogliano valutare il loro contributo allo sviluppo tecnologico in un determinato settore. Abbiamo dimostrato che il sistema può essere utilizzato per l’Odontostomatologia e abbiamo prodotto le mappe per un insieme iniziale di tecnologie nel campo. Intendiamo ora ampliare l’insieme di tecnologie mappate al fine di rendere il sistema Collaboration Spotting uno strumento di riferimento utile per la ricerca odontostomatologica.

lingua: Italiano, Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina