Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2014 January-February;63(1-2) > Minerva Stomatologica 2014 January-February;63(1-2):35-41

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Stomatologica 2014 January-February;63(1-2):35-41

Copyright © 2014 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Ozono liquido adiuvante nel trattamento della necrosi della mandibola da bifosfonati: segnalazione di due casi e follow-up a lungo termine

Brozoski M. A. 1, Lemos C. A. 2, Da Graça Naclério-Homem M. 3, Deboni M. C. Z. 3

1 Department of Oral Surgery Dental School, University of São Paulo Assistant Professor Oral Surgery São Leopoldo Mandic Dental School São Paulo, Brazil; 2 Department of Oral Medicine, Dental School University of São Paulo, São Paulo, Brazil; 3 Department of Oral Surgery, Dental School University of São Paulo, São Paulo, Brazil


PDF  


La necrosi della mandibola da bifosfonati (Bisphosphonate induced necrosis of the jaws, BONJ) non prevede un protocollo di trattamento unificato; pertanto, sono emersi diversi approcci terapeutici nel settore della medicina orale con risultati discutibili. Un uomo e una donna si sono presentati presso l’ambulatorio universitario di chirurgia orale con lesioni ossee mandibolari derivanti rispettivamente da bifosfonati orali ed endovenosi come complicanze dell’estrazione dentaria. Il trattamento ha incluso risciacqui quotidiani del cavo orale e irrigazioni intraorali settimanali con 4 mg/L di ozono liquido, terapia antibiotica e sbrigliamento superficiale sequenziale per le sequestrectomie. I follow-up a lungo termine hanno mostrato un completo rivestimento mucoso dell’area di osso esposto e la risoluzione della secrezione purulenta. Le caratteristiche antimicotiche e antibatteriche dell’ozono liquido potrebbero avere rivestito un ruolo importante nel trattamento. L’esito misurato includeva l’esame intraorale e le radiografie panoramiche dell’osso interessato. L’applicazione di risciacqui quotidiani di ozono liquido e di irrigazioni settimanali professionali era sicura; tale procedura è priva di effetti indesiderati, facile da eseguire e utilizzata quale importante strategia terapeutica adiuvante per il trattamento della BONJ.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

mczdebon@usp.br