Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2013 July-August;62(7-8) > Minerva Stomatologica 2013 July-August;62(7-8):281-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2013 July-August;62(7-8):281-7

lingua: Inglese

Enoxaparina per il trattamento della stomatite aftosa ricorrente: uno studio clinico esplorativo pilota

Ghaffari S. 1, Barikbin L. 2, Ashnagar S. 3, Hajji Fattahi F. 4, Tavakoli Kia R. 5, Rezaiee M. 6

1 Private Practice, Tehran, Iran;
2 Farzan Clinical Research Institute, Tehran, Iran;
3 Student’s Scientific Research Center School of Dentistry Tehran University of Medical Sciences Tehran, Iran;
4 Oral Medicine and Diagnosis Islamic Azad University Dental Branch, Tehran, Iran;
5 Dermatologist, Skin Disease and Leishmaniasis Research Center (Sedigheh Tahereh) Isfahan University of Medical Sciences, Isfahan, Iran;
6 Oral Medicine and Diagnosis Islamic Azad University Dental Branch, Tehran, Iran


PDF  


Obiettivo. I derivati a basso peso molecolare di eparina sono stati recentemente suggeriti per il trattamento di diverse patologie, tra cui lichen planus orale (oral lichen planus, OLP), grazie alla loro efficacia e agli effetti collaterali limitati. Tuttavia, nessuno studio ha interessato l’efficacia di questi agenti nel trattamento della stomatite aftosa ricorrente (recurrent aphthous stomatitis, SAR). Il presente studio ha quindi lo scopo di valutare tale efficacia in vivo.
Metodi. Sono stati inclusi 30 pazienti SARconsecutivamente inviati nei nostri centri, senza malattie sistemiche. Le ulcere sono state esaminate in termini di dimensioni e numero. Gli intervalli di ricorrenza sono stati registrati dai pazienti. 1 U/0,002 ml di enoxaparina è stata iniettata per via sottocutanea (3 mg). Le iniezioni sono state ripetute una volta alla settimana per 8 settimane. I pazienti sono stati seguiti mensilmente per tre mesi. Per determinare il livello di dolore, è stata usata la scala VAS (Visual Analogue Scale) da 0 a 10. I dati sono stati analizzati statisticamente per determinare la differenza tra il numero, la dimensione e il dolore mediante test di Wilcoxon.
Risultati. È stato dimostrato che l’iniezione di enoxaparina allo stadio 8 è associata a una riduzione significativa di numero, dimensioni, intervalli di ricorrenza e intensità e durata del dolore delle lesioni in 21 maschi (70%) e 9 femmine (30%) del presente studio.
Conclusioni. Secondo i limiti del presente studio, l’enoxaparina sistemica sembra ridurre con successo il numero, la dimensione e la frequenza di ricorrenza e la durata del dolore e il disagio nei pazienti SAR, senza effetti collaterali significativi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

sajjadashna@yahoo.com