Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2013 June;62(6) > Minerva Stomatologica 2013 June;62(6):193-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2013 June;62(6):193-8

lingua: Inglese

Confronto tra materiali di riempimento endodontici provvisori fotopolimerizzabili a luce alogena versus luce led per sigillatura

Bodrumlu E. 1, Topuz O. 2, Uzun Ö. 2

1 Operative Dentistry and Endodontics Department, Ondokuz Mayis University, Faculty of Dentistry Samsun, Turkey;
2 Operative Dentistry and Endodontics Department, Gazi University, Faculty of Dentistry, Ankara, Turkey


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo studio era confrontare la capacità di sigillatura di tre materiali ristorativi provvisori fotopolimerizzabili con due diversi dispositivi di polimerizzazione: alogena e LED.
Metodi. Dopo la preparazione di cavità di accesso endodontico standard, i sistemi canalari sono stati strumentati utilizzando una tecnica step-back irrigata con ipoclorito di sodio e EDTA. I materiali ristorativi provvisori fotopolimerizzabili, primo riempimento, Bioplic e Diatempsono stati applicati e polimerizzati con uno dei dispositivi fotoindurenti a LED o luce alogena. I campioni sono stati immersi in soluzione al 2% di blu di metilene per quattro giorni in un incubatore per la valutazione delle perdite.
Risultati. Il primo riempimento ha presentato i valori minimi di microperdite sia per i gruppi trattati con LED (2,54 ± 0,53) sia per quelli con luce alogena (2,84 ± 0,48); Diatemp ha presentato i valori più alti di microperdite sia per i gruppi LED (2,83 ± 0.59) sia per quelli con luce alogena (3,28 ± 0.56). I valori di perdita di tutti i materiali di riempimento provvisori fotopolimerizzabili per i gruppi trattati con LED sono stati inferiori rispetto a quelli trattati con luce alogena. Tuttavia, non si sono manifestate differenze statisticamente significative tra i tre gruppi (P> 0,05).
Conclusione. Si è concluso che i materiali di riempimento provvisori fotopolimerizzabili possono ottenere una buona capacità di sigillatura comparabile quando sono polimerizzati con LCU sia a LED, sia a luce alogena.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

bodrumlu@omu.edu.tr