Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2013 April;62(4) > Minerva Stomatologica 2013 April;62(4):127-38

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Stomatologica 2013 April;62(4):127-38

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Riabilitazione implantare a carico immediato di una grave oligodontia: minimo impatto sulla vita di relazione di un giovane paziente

Sentineri R. 1, Massa M. 2, Celauro A. 3, Dagnino G. 4

1 Private practitioner, Genoa, Italy;
2 National Institute of Cancer Research (IST) University of Genoa, Genoa, Italy;
3 Faculty of Odontoiatry, University of Genoa Genoa, Italy;
4 Department of Oral Surgery, University of Milan, Milan, Italy


PDF  


Lo scopo del presente lavoro è stato quello di illustrare il trattamento di una grave oligodontia in un paziente alla fine della crescita dentale attraverso l’utilizzo di impianti a carico immediato. Ad un giovane paziente affetto da tale patologia venivano estratti i denti decidui anteriori da 7.4 a 8.3. Nella stessa seduta venivano inseriti cinque impianti tronco-conici e presa l’impronta per un provvisorio in resina acrilica solidarizzato da una barra in titanio laser-saldata che verrà consegnato due giorni dopo. Dopo un anno dal carico veniva presa l’impronta per la protesi definitiva e veniva quindi consegnata una riabilitazione in metallo-ceramica con tecnica avvitata. I controlli radiografici, fonetici ed estetici mostravano un fitting accurato e un’integrazione estetica molto soddisfacente.
Conclusioni. Una tecnica implantare a carico immediato ha permesso di minimizzare i deficit funzionali ed estetici che avrebbero potuto probabilmente manifestarsi con una diversa metodica a funzione dilazionata. Verosimilmente si è ottenuto quindi un minimo impatto psichico-estetico-funzionale sul paziente stesso che, considerata la giovane età, avrebbe potuto incidere sulla vita di relazione in maniera non indifferente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

giorgiodagnino@gmail.com