Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2013 April;62(4) > Minerva Stomatologica 2013 April;62(4):117-25

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Stomatologica 2013 April;62(4):117-25

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Disinclusione e riposizionamento ortodontico-chirurgico di un canino mascellare incluso in posizione dell’incisivo centrale

Farronato G. 1, 2, Giannini L. 1, 2, Folegatti C. 1, 2, Brotto E. 1, 2, Galbiati G. 1, 2, Maspero C. 1, 2

1 Department of Diagnostioc, Surgical, Reconstructive Surgery, IRCCS Cà Granda Foundation, Maggiore Policlinico Hospital, University of Milan, Milan, Italy; 2 School of Orthodontic, University of Milan, Milan, Italy


PDF  


In presenza di canini mascellari inclusi, il trattamento d’elezione per l’ortodontista è rappresentato dalla disinclusione e riposizionamento in arcata dell’elemento qualora vi siano le condizioni anatomiche favorevoli. Si descrive il caso clinico di un giovane paziente che presentava una grave rizolisi dell’incisivo centrale mascellare destro in seguito a crescita ectopica del canino superiore destro. È stato deciso di disincludere il canino incluso riposizionandolo in posizione dell’incisivo per evitare probabili riassorbimenti radicolari a carico dell’incisivo laterale durante le manovre di trazione in posizione corretta. È stata quindi programmata l’estrazione dell’incisivo centrale e la disinclusione del canino. Una volta erotto il canino si è modificata l’angolazione, l’inclinazione di radice e la morfologia in modo da farlo assomigliare più possibile a un incisivo centrale. In epoca in cui la terapia implantare ha fatto enormi progressi si vuole proporre una soluzione terapeutica alternativa che in questo caso clinico ha permesso di ottenere risultati con una buona estetica e con una migliore prognosi nel tempo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

giampietro.farronato@unimi.it