Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2013 April;62(4) > Minerva Stomatologica 2013 April;62(4):95-106

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2013 April;62(4):95-106

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Valutazione dinamica delle neoplasie benigne delle ghiandole parotidi mediante TC multidetettore

Cappabianca S. 1, Capasso R. 1, Cirillo M. 1, Santagata M. 2, Tartaro G. 2, Colella G. 2

1 Section of Radiodiagnostic, Department of Internal Clinical and Experimental Medicine “F. Magrassi-A. Lanzara”, Second Università of Naples, Naples, Italy; 2 Department of Head, Neck, Oral Cavity and Audio-Verbal Communication, Second University of Naples, Naples, Italy


PDF  


Obiettivo. Obiettivo del presente lavoro è stato quello di valutare il ruolo del net-enhancement (NE) delle neoplasie benigne parotidee mediante TC multistrato (TCMD) multifasica.
Metodi. Quarantotto pazienti (M=27, F=21) tra i 35 ed i 76 anni (media =57 anni) con neoformazioni parotidee benigne sono stati esaminati con MDCT a 4 file di detettori, a 20’’, 40’’, 70’’ e 9’ dopo la somministrazione endovenosa di mezzo di contrasto. Il NE veniva elaborato mediante sottrazione della fase precontrastografica alle fasi postcontrastografiche. I valori ottenuti venivano confrontati con l’istopatologia.
Risultati. Trentasei casi erano adenomi pleomorfi (AP), 24 tumori di Warthin (TW). Gli AP avevano un NE medio a 20’’, 40’’, 70’’ e 9’ di 23 UH, 74 UH, 53 UH e 34 UH. I TW avevano un NE medio di 52 UH, 54 UH, 40 UH e 39 UH. Mediante sottrazione della fase precontrastografica alla fase all’equilibrio, NE a 9’ e cut-off di 34 UH abbiamo differenziato gli AP dai TW e dalle ghiandole sane con specificità (SP) 87%, sensibilità (SE) 60% valore predittivo positivo (VPP) e valore predittivo negativo (VPN) di 75% e 59%; con NE a 20’’ e cut-off di 54 UH, sono stati distinti i TW dagli AP con SP 83%, SE 50%, VPP 75% e VPN 63%.
Conclusioni. Lo studio del NE può consentire di caratterizzare le neoplasie parotidee benigne.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

salvatore.cappabianca@unina2.it