Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2012 September;61(9) > Minerva Stomatologica 2012 September;61(9):399-419

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Stomatologica 2012 September;61(9):399-419

lingua: Italiano, Inglese

La clorexidina (CHX) in odontoiatria: review della letteratura

Varoni E. 1, 2, Tarce M. 2, Lodi G. 2, 3, Carrassi A. 2, 3

1 Department of Mining and ,Material Engineering, Mc Gill University of Montreal, Montreal, Canada;
2 Unit of Odontostomatology II, San Paolo Hospital, Milan, Italy;
3 Department of Biomedical, Surgery and Dentistry Sciences, University of Milan, Milan, Italy


FULL TEXT  


La clorexidina (CHX) rappresenta la principale molecola antisettica per il cavo orale, in grado di esplicare azione antibatterica ad ampio spettro d’azione e prolungata nel tempo e capace di ridurre gli indici di placca, di sanguinamento e di infiammazione gengivale. Il suo utilizzo viene considerato importante ausilio all’igiene orale meccanica, in particolare nei casi in cui quest’ultima non possa venire correttamente effettuata. Proposta sottoforma di collutorio, gel, aereosol, spray e dischetti, la CHX si conferma molecola sicura, con effetti collaterali minimi e transitori, sia a livello locale che sistemico. In accordo con i dati disponibili in letteratura, può essere consigliata come supporto periodico alle usuali tecniche di spazzolamento nei soggetti non in grado di mantenere un’appropriata igiene orale per deficit psico-motori o per insufficiente motivazione o per forte diminuzione del flusso salivare. La clorexidina rappresenta anche una valida alternativa alle usuali procedure di igiene orale meccanica, quando queste non possano essere messe in pratica, come in fase postchirurgica, come sciacquo preoperatorio, prima di procedure in cui non possa essere utilizzata la diga odontoiatrica. Obiettivo di questo articolo è, pertanto, proporre una revisione della letteratura relativamente le caratteristiche, l’utilizzo e le problematiche correlati all’impiego della clorexidina in odontoiatria.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

elena.varoni@med.unipmn.it