Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2012 Maggio;61(5) > Minerva Stomatologica 2012 Maggio;61(5):205-12

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale

Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0926-4970

Online ISSN 1827-174X

 

Minerva Stomatologica 2012 Maggio;61(5):205-12

 ARTICOLI ORIGINALI

Riscontri patologici in un campione di pazienti pediatrici messicani: un’indagine clinico-radiologica

Ledesma-Montes C. 1, Salcido-García J. F. 2, Hernández-Flores F. 3, Garcés-Ortíz M. 1

1 Laboratorio de Patologia Clinica, Division de Estudios de Posgrado e Investigacion, Facultad de Odontologia, UNAM, Mexico;
2 Clinica de Admision, Division de Estudios de Posgrado e Investigacion, Facultad de Odontologia, UNAM, Mexico;
3 Clinica de Cirugia Bucal y Maxilofacial, Division de Estudios de Posgrado e Investigacion, Facultad de Odontologia, UNAM, Mexico

Obiettivo. Vengono presentati i risultati di un’indagine clinico-radiologica su 467 bambini, realizzata presso l’ambulatorio di diagnosi orale della Facoltà di Odontoiatria, UNAM, Messico.
Metodi. Tutti i pazienti sono stati esaminati clinicamente, è stata ottenuta la loro anamnesi ed è stata realizzata un’ortopantomografia a cura degli studenti dell’ultimo anno di odontoiatria. I pazienti e le radiografie sono quindi stati esaminati e tutte le alterazioni nei denti, nei tessuti molli e nelle ossa sono state registrate.
Risultati. Alterazioni cliniche e/o radiologiche sono state rilevate in 132 (28,26%) pazienti pediatrici. Le principali alterazioni erano dovute allo sviluppo (75%), mentre le restanti alterazioni erano di carattere infiammatorio/infettivo e traumatico (6,06% ciascuna). Le entità più comuni erano: sovrannumerari (30,77%), ipodontia (29,7%), lesioni osteosclerotiche e microdontia (4,4% ciascuna).
Conclusioni. I dati sulla frequenza delle alterazioni nella popolazione pediatrica presso il nostro istituto rafforzano l’importanza di questo tipo di studio per migliorare la qualità dei servizi stomatologici nella popolazione pediatrica.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina