Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2012 March;61(3) > Minerva Stomatologica 2012 March;61(3):65-73

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2012 March;61(3):65-73

lingua: Italiano, Inglese

Grado di polimerizzazione e metodi di cementazione di due cementi autoadesivi usati per la cementazione di perni in fibra di vetro

Barabanti N., Madini L., Krokidis A., Acquaviva P. A., Cerutti F., Cerutti A.

Department of Conservative Dentistry, School of Dentistry, University of Brescia, Brescia, Italy


PDF  


Obiettivo. Scopo dello studio è stata la valutazione di due cementi autoadesivi e l’influenza delle rispettive procedure cliniche sulla qualità della cementazione.
Metodi. Trentasei elementi monoradicolati, estratti di recente, sono stati trattati endodonticamente e divisi in due gruppi (N.=18). I perni sono stati cementati con due cementi autoadesivi: Gruppo A - RelyX Unicem (3M Espe) e Gruppo B - Multilink Sprint (Ivoclar-Vivadent). I campioni sono stati sottoposti a termociclaggio secondo il protocollo ISO/TR 11405 e immersi per 24 ore in blu di metilene al 2%; successivamente sono stati sezionati con un disco diamantato (Isomet-Buhler) dalla giunzione amelo-cementizia all’apice. Ogni sezione è stata esaminata con microscopia steroscopica (30x) ricercando residui di guttaperca, vuoti, bolle e grado di infiltrazione del colorante; mediante spettroscopia micro-Raman è stato valutato il grado di conversione del cemento. I risultati sono stati analizzati statisticamente con ANOVA e Mann-Whitney test.
Risultati. Nessuna differenza statisticamente significativa è stata rilevata riguardo presenza di guttaperca, infiltrazione di colorante e grado di conversione. Sono stati rilevati vuoti soprattutto nel gruppo B e bolle nel gruppo A: entrambe le differenze sono statisticamente significative.
Conclusioni. Il successo clinico della cementazione dei perni in fibra di vetro si basa sull’uso appropriato di materiali e protocolli. I cementi autoadesivi, se usati correttamente, possono dare risultati accettabili e rendere più rapide le fasi cliniche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

lorenzo@madini.eu