Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2011 July-August;60(7/8) > Minerva Stomatologica 2011 July-August;60(7/8):339-48

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2011 July-August;60(7/8):339-48

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Formazione precoce di placca in vivo su zirconia e ceramica feldspatica

Re D. 1, Pellegrini G. 2, Francinetti P. 1, Augusti D. 1, Rasperini G. 2

1 Unit of Prosthetic Dentistry, Dental Clinic, Department of Surgical Sciences, Reconstructive and Diagnostic; University of Milan, Fondazione IRCCS , Ospedale Maggiore Policlinico, Ca’ Granda, Milan, Italy
2 Unit of Periodontology, Dental Clinic Department of Surgical Sciences,, Reconstructive and Diagnostic; University of Milan, Fondazione IRCCS , Ospedale Maggiore Policlinico, Ca’ Granda, Milan, Italy


PDF  


Obiettivo. Il biossido di zirconio è un materiale ceramico che presenta ottime proprietà estetiche e meccaniche; esso consente di realizzare sottostrutture protesiche di ridotto spessore. Scopo di questo studio clinico sperimentale è stato quello di comparare quantità, forma e struttura della placca batterica adesa a superfici di zirconia e ceramica feldspatica all’interno del cavo orale.
Metodi. Lo studio ha incluso quattro pazienti. Per ogni paziente è stato costruito un apparecchio rimovibile in resina acrilica agganciato alla superficie linguale dei molari inferiori. Sulla superficie linguale sono stati attaccati otto campioni: quattro in zirconia, posizionati sul lato di destra (test) e quattro in ceramica feldspatica, posizionati sul lato di sinistra (controllo). Agli intervalli regolari di 6, 12, 24 e 36 ore dall’inserimento dell’apparecchio nel cavo orale, un campione test e uno controllo sono stati rimossi dal dispositivo. Ad ogni intervallo di tempo sono state quindi raccolte quattro coppie di campioni, tre di queste utilizzate per l’analisi quantitativa della placca tramite la reazione di polimerizzazione inversa, la quarta utilizzata invece per una analisi strutturale della placca tramite microscopia a scansione elettronica (SEM).
Risultati. Al termine dello studio non sono state rilevate differenze statisticamente significative nella quantità di placca presente a contatto dei due differenti materiali. L’analisi al microscopio elettronico ha invece dimostrato una differenza nell’aspetto strutturale della placca rilevabile soprattutto sul campione a 36 ore: a contatto della zirconia la placca è risultata infatti meno uniforme e compatta rispetto alla ceramica feldspatica.
Conclusioni. La zirconia può essere quindi utilizzata direttamente a contatto con il cavo orale nei casi di corone protesiche che richiedono elevate proprietà sia estetiche che meccaniche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

dino.re@unimi.it