Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2011 Marzo;60(3) > Minerva Stomatologica 2011 Marzo;60(3):93-104

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Stomatologica 2011 Marzo;60(3):93-104

lingua: Inglese

Bruxismo auto-riportato e sintomatologia fobica

Bellini M. 1, Marini I. 2, Checchi V. 3, Pelliccioni G. A. 4, Gatto M. R. 5

1 Division of Psychiatry, Dentistry Department of Psychiatry, “Alma Mater Studiorum” , University of Bologna, Bologna, Italy
2 Division of Orthodontics and Gnatology, Department of Odontostomatologic Sciences, “Alma Mater Studiorum”, University of Bologna, Bologna, Italy
3 Department of Odontostomatologic Sciences, Second University of Naples, Naples, Italy
4 Division of Oral Surgery, Department of Odontostomatologic Sciences, “Alma Mater Studiorum” , University of Bologna, Bologna, Italy
5 Service of Statistics in Dentistry, Department of Odontostomatologic Sciences, “Alma Mater Studiorum” , University of Bologna, Bologna, Italy


PDF  


Obiettivo. Scopo di questo studio osservazionale è stato quello di paragonare due campioni di pazienti (identificati da un precedente studio svolto nel 2007, in base ad una autovalutazione come bruxisti e non bruxisti) sulla base della presenza di sintomi ansioso-fobici, generali e legati alla presenza di un intervento di chirurgia orale.
Metodi. Quarantatre bruxisti e 207 non bruxisti sono stati identificati; tra questi ultimi un sottocampione di 89 soggetti è stato scelto in maniera random e analizzato. I dati sono stati raccolti con due questionari psicologici auto-somministrati: STAI-Y1, Scala della Fobia di Marks-Sheehan, e una srie di items supplementari su specifiche paure/fobie odontoiatriche.
Risultati. Ansietà globale (P=0,02), agoraphobia, claustrofobia, patofobia, fobia sociale (P<0,05), sono più frequenti nei bruxisti così come anche il senso di soffocamento (P=0,02). La gravità dei comportamenti di evitamento (che rappresentano un aspetto clinico psichiatrico e che hanno lo scopo di ridurre l’ansietà fobica per mezzo di nuovi sintomi) è bassa e simile nei due gruppi. Non sono emerse differenze statisticamente significative tra i due gruppi per quanto riguarda l’abitudine al fumo (44% i fumatori tra i bruxisti e 28% tra i non bruxisti) ,ma soltanto per il consumo di alcolici, essendo i bevitori più frequenti tra i bruxisti che tra i non bruxisti (rispettivamente 55.8% and 12.4%, χ²=36,13; P=0,0001).
Conclusioni. La abitudine involontaria di serrare i denti è, nella nostra opinione, riportata da pazienti che controllano la loro ansietà/fobia senza comportamenti di esitamento, ma aumentando la loro attività muscolare fino al bruxismo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

mariarosaria.gatto@unibo.it